Tempo di lettura: 2 minuti

Bergamo. Era passato anche sulle pagine di Popolis il bando per partecipare al Premio Ermanno Olmi per giovani registi, nato per promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi, si rivolge ad autori italiani e stranieri che non abbiano superato 30 anni di età.

Ora la serata finale che proclamerà i tre vincitori, mercoledì 11 dicembre presso l’Auditorium di Piazza della Libertà a Bergamo. Durante l’evento saranno proiettate le 3 opere vincitrici e ilfilm del Maestro Ermanno Olmi “Il mestiere delle armi”.

Australia, Iran, Vietnam, Russia, Arabia Saudita e Georgia, a cui si aggiungono numerosi paesi europei e una consistente partecipazione italiana, sono queste alcune delle nazioni da cui provengono le quasi 100 opere, tra fiction, documentari e film d’animazione, in concorso per la prima edizione del Premio Ermanno Olmi destinato a promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi.

Sono Da-Dzma di Jaro Minne (Una sorella e un fratello [t.l.], Georgia, Belgio 2019), Fame di Luca Buzzi Reschini (Italia 2019), Inside me di Maria Trigo Teixeira (Dentro di me [t.l.], Germania 2019), Nacht Ueber Kepler 452b di Ben Voit (Notte sopra Kepler 452b [t.l.], Germania 2019), i 4 film finalisti a cui mercoledì 11 dicembre, la giuria composta da Fabio Olmi (direttore della fotografia), Maurizio Zaccaro (regista, produttore cinematografico e sceneggiatore italiano), Paola Suardi (consulente di comunicazione), Angelo Signorelli (direttore artistico di Bergamo Film Meeting) e Adriano Piccardi (direttore della rivista «Cineforum»), assegnerà il Premio Ermanno Olmi.

Durante la serata, ad ingresso gratuito e in programma presso l’Auditorium di Piazza della Libertà di Bergamo, saranno proiettate le 4 opere finaliste del concorso e si omaggerà Ermanno Olmi con Il mestiere delle armi (2001). Il film, recentemente restaurato dal Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale e dall’Istituto Luce-Cinecittà, e presentato in concorso a Cannes nel 2001, racconta gli ultimi giorni di vita del capitano di ventura Giovanni dalle Bande Nere, morto a soli 28 anni nel 1526. Scritto da Ermanno Olmi e magnificamente fotografato da suo figlio Fabio, la pellicola si è aggiudicata 9 David di Donatello e 3 Nastri d’argento.

Il Premio, indetto dal Comune di Bergamo con il supporto organizzativo di FIC – Federazione Italiana Cineforum, la collaborazione di Bergamo Film Meeting Onlus e il sostegno di Fondazione MIA – Congregazione Misericordia Maggiore Bergamo, si rivolge ad autori italiani e stranieri che non abbiano superato i 30 anni di età e prevede 3 riconoscimenti in denaro: 1.200€, 500€, 300€. Il Premio ha il patrocinio Green Friendly Event.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *