Tempo di lettura: 1 minuto

Parte del nostro esistere ha sede nelle anime di chi ci accosta: ecco perché è nonumana l’esperienza di chi ha vissuto giorni in cui l’uomo è stato una cosa agli occhi dell’uomo.”
Primo Levi.

Manerba del Garda (Brescia) – Primo Levi è stato un uomo che ha vissuto l’esperienza drammatica delle leggi razziali e delle loro conseguenze. Deportato, sopravvissuto alla tragedia dei campi di Concentramento, in seguito rimpatriato in Italia attraverso un viaggio di ritorno lungo un anno, Primo Levi sente l’urgenza di scrivere i suoi ricordi di prigionia, di lasciare “Memoria”e si dedica alla stesura della sua esperienza.

In occasione della Giornata della Memoria 2015, l’Assessorato alla Cultura e l’Associazione Socio Culturale Viva Valtenesi propone il Recital intitolato “PRIMO LEVI – UN UOMO”, di e con Sergio Mascherpa.

La sofferta “Testimonianza”dei lager di Primo Levi si traduce nei due celebri scritti  ”Se questo è un uomo” e “La tregua”, attraverso una scrittura limpidissima e anti retorica, lasciando nelle mani dei posteri un indelebile strumento di conoscenza. Perchè  “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario

Sono parole dello scrittore, dell’uomo, il testimone che è giusto raccogliere per ricordare quella tragedia, per conoscerne altre e capire che significa esattamente la parola Genocidio.

Il recital letterario è patrocinato dall’Unione Comuni della Valtenesi e sostenuto dal Comune di Manerba Del Garda.

CONDIVIDI
Laura Simoncelli
Dopo il diploma di liceo scientifico, si laurea all’Univeristà Cattolica di Brescia nel 2004 in Lettere e Filosofia. Collabora con Fondazione Civiltà Bresciana e Bresciaoggi con stesura di articoli sportivi, cronaca e tempo libero. Dal 2004 al 2017 fa parte della redazione di popolis. E’ docente di italiano e storia presso le scuole medie e superiori

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *