Tempo di lettura: < 1 minuto

La Regione Lombardia mette a disposizione ben 400 milioni di euro sul Programma di Sviluppo Rurale con l’obiettivo di rispondere all’impatto della crisi COVID-19 e alle sue conseguenze per il settore agricolo e le zone rurali. Con i primi bandi che apriranno a novembre saranno già disponibili 185 milioni di euro per le aziende agricole.

La dotazione più consistente, pari a 70 milioni di euro, è per la misura 4.1 dedicata a sostenere gli investimenti legati a redditività, competitività e sostenibilità delle aziende agricole. Tra le novità introdotte la possibilità di finanziare la realizzazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Ci sono inoltre 25 milioni di euro per la misura 4.2 dedicata al settore agroalimentare per la trasformazione , commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli.

L’agevolazione cambia in base alle differenti misure. Sulla misura 4.1 è prevista la concessione di un contributo a fondo perduto dal 35% al 55% delle spese ammesse, mentre per la misura 4.2 il contributo a fondo perduto è pari al 20% a cui si aggiunge un finanziamento a tasso agevolato.

La pubblicazione di nuovi bandi è prevista nelle prossime settimane.