Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Sono passati 30 anni dalla Dichiarazione dei Diritti dell’Infanzia: che cosa è cambiato e che cosa resta da fare? Se ne parlerà nel corso del convegno “Quale futuro per l’infanzia. Risultati e prospettive a 30 anni dalla Dichiarazione dei Diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza”, in programma sabato 23 novembre a Brescia all’Auditorium San Barnaba in piazza Benedetti Michelangeli, dalle 9 alle 13.

L’incontro, promosso da Associazione Montessori Brescia con il Patrocinio di Regione Lombardia, Comune e Provincia di Brescia e di Opera Nazionale Montessori, intende sviluppare una riflessione sulla necessità di maggiore tutela dell’infanzia nella società moderna, a fronte delle sfide che l’uso diffuso tra gli adolescenti delle tecnologie digitali e l’ingresso all’età adulta anticipato, impongono.

Focus del convegno sarà infatti il diritto dei bambini ad una educazione responsabile. Nel corso dell’incontro, dopo i saluti istituzionali di Roberta Morelli, Assessore alle Pari Opportunità e Rosa Giudetti, Presidente di Associazione Montessori Brescia, si confronteranno esperti autorevoli: Franca Pinto Minerva, docente di Pedagogia dell’Università degli Studi di Foggia, con l’intervento “Il bambino nell’era del digitale. Il bisogno di fiabe”, Alessandro Volta, pediatra con “I diritti dei bambini e le neuroscienze”, Anna Oliverio Ferraris, psicologa e psicoterapeuta con “Accelerati e immaturi: lolite, bulli e solitari” e il poeta e scrittore Bruno Tognolini, con “Restituire ai bambini il maltolto”. Introduce e modera Gianluca Foglia Fogliazza, illustratore.

Si rende fondamentale contribuire a diffondere una cultura che protegga il tempo dell’infanzia e dell’adolescenza e che promuova la dimensione educativa orientata alla prevenzione del disagio e della marginalità dei ragazzi e finalizzata al loro benessere. La partecipazione al convegno – con iscrizione obbligatoria ed il contributo di dieci euro – è riservata a genitori, educatori, docenti, pediatri, studenti, ostetriche, volontari e a tutti gli operatori che, a vario titolo, svolgono un ruolo educativo. Per iscrizioni: www.montessoribs.it.

L’Associazione Montessori Brescia è impegnata nella formazione dei docenti con metodo Montessori e con iniziative di carattere culturale nella promozione del rispetto dell’infanzia, dell’adolescenza e della dignità della donna.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *