Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Equilibrio, armonia, grazie, le fotografie di Michael Kenna accarezzano con prezioso rispetto i corpi femminili nella mostra “Rafu” che in termine giapponese che significa “nudo di donna”.

È il titolo scelto da Kenna per la mostra che sarà ospitata dalla Galleria dell’Incisione dal 7 dicembre al 22 gennaio prossimo. sabato 7 dicembre dalle ore 18.

La mostra presenta una serie di scatti nati dall’appassionato e paziente lavoro che dal 2008 ha portato l’artista a misurarsi con il genere del nudo femminile all’interno di un’ancor più vasta ricerca che da oltre trent’anni lo vede immortalare i luoghi più poetici del Giappone.

I ritratti delle donne da lui scelte: attrici, ballerine, impiegate, fotografe e praticanti di yoga incontrate in varie località del Paese, sono poi confluiti nella recente edizione Rafu (Nazraeli Press, 2018).

“La loro volontà di esprimersi davanti alla macchina fotografica e la fiducia nella mia integrità come fotografo ci hanno permesso di impegnarci in esplorazioni e conversazioni visive creative”, afferma il fotografo britannico.

“Il corpo umano è un miracolo assolutamente sorprendente e misterioso in una miriade di modi”, aggiunge. “Considero le rappresentazioni creative del nudo, storiche e contemporanee, come inviti aperti a esplorare questa sfida estetica”.

Insieme alla serie Rafu sarà presentata una selezione di fotografie recentemente pubblicate in Des Oiseaux (Xavier Barral, 2019). Ad unire le due serie ritroviamo lo stesso clima psicologico e la stessa suggestiva luce diafana che negli anni l’autore ci ha abituati ad associare al suo sguardo.

L’autore sarà presente in galleria mercoledì 18 dicembre alle ore 18 per presentare i due volumi Rafu e Des Oiseaux.

La Galleria dell’Incisione ha aperto a Brescia nel 1972 e si è specializzata in grafica europea del Novecento. Negli anni ha ampliato le proposte espositive con mostre di pittura e scultura anche contemporanee, rassegne dedicate alla xilografia giapponese e importanti mostre di fotografia.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *