Cremona. Ancora una volta Cremona ritorna ad essere una delle capitali dell’arte a stampa, attraverso la sua consolidata biennale, punto di riferimento per artisti, curatori, galleristi di ogni parte del mondo. La Rassegna internazionale di incisione è giunta alla 9° edizione, si terrà, dal 24 settembre al 29 ottobre, presso la sede di Santa Maria della Pietà, presenta un ricco e variegato panorama sull’arte grafica contemporanea.

Un grande progetto artistico-culturale che propone, per l’edizione 2017, una nuova sezione: “Maestri del ‘900”. Presentata dal critico d’arte Renzo Margonari, raccoglie opere  di sette artisti che hanno fatto la storia dell’arte del secolo scorso, ed hanno avuto grande influenza su moltissimi artisti. Potremo ammirare incisioni di Picasso, Chagall, Mirò, Hayter, Music, Clavé, Tàpies, provenienti da importanti collezioni private italiane e straniere.

Le altre sezioni del contemporaneo comprendono:

Il Gesto Segreto – Quaranta opere, alcune di grande formato, di una ventina fra i più interessanti autori (invitati da una apposita Commissione) distintisi nelle maggiori rassegne internazionali per la qualità della loro ricerca grafica;

PRISM 8 “Connections – Una mostra (itinerante in Europa e Asia) degli artisti membri del Prism  Print International di Londra, provenienti da 7 paesi (Regno Unito, Giappone, Paesi Bassi, Italia, Polonia, Cina, Corea del Sud), che presenta settanta lavori realizzati con varie tecniche incisorie tradizionali e sperimentali;

Ex Libris Claudio  Monteverdi –  Una selezione di piccole grafiche ed ex-libris, di autori italiani e stranieri, dedicati alla figura e all’opera del grande compositore e musicista cremonese Claudio Monteverdi, nel 450° anniversario della nascita (1567). Mostra in collaborazione con l’AIE-Associazione italiana ex-libris.

Un aspetto non secondario della biennale, è quello relativo alla conoscenza dell’arte dell’incisione; per questo sarà attivo il tradizionale laboratorio didattico, dove i visitatori, ma soprattutto le scolaresche (su prenotazione), potranno assistere a lezioni teoriche e soprattutto pratiche riguardanti le tecniche dell’incisione a stampa antica e moderna, con la possibilità di intagliare direttamente piccole matrici, successivamente inchiostrate e stampate al torchio calcografico.

Strumento indispensabile per una seria divulgazione e conoscenza è il catalogo generale bilingue (italiano – inglese), con testi inediti e pubblicazione a colori di gran parte delle opere esposte, contenente brevi schede tecnico-storiche sui principali metodi dell’arte incisoria.

Una manifestazione che ha permesso di costituire, nel tempo, presso il Gabinetto dei Disegni e delle Stampe del Museo civico “Ala Ponzone” di Cremona, una fra le più significative collezioni di incisioni e grafiche originali di importanti artisti contemporanei, comprendente quasi 1800 fogli donati dagli stessi autori.

La Biennale che sino al 2015 era chiamata L’Arte e il Torchio, ideata e curata da Vladimiro Elvieri, è promossa dall’Associazione Incisione Senza Confini, con il patrocinio, la collaborazione e il sostegno del Comune di Cremona, il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo e il sostegno di sponsor privati.

Nata nel 1999, la Rassegna cremonese ha saputo porsi all’attenzione internazionale per la varietà e la qualità delle proposte, che offrono una panoramica sempre aggiornata delle tendenze e delle sperimentazioni in atto. Varie le sezioni proposte biennalmente o quadriennalmente: dai “maestri dell’incisione” alle “nazioni ospiti”, dai “grandi atelier” alla “incisione italiana under 35” fino agli “ex libris dedicati”.