Tempo di lettura: 2 minuti

Val Camonica, Brescia. Il progetto REBUS delle ACLI Bresciane aps ha permesso, dal 2018, di recuperare da eccedenze alimentari 150 tonnellate di prodotti, che sono stati distribuiti a famiglie in difficoltà, per tramite delle ACLI Valle Camonica e Circolo ACLI Media Valle Camonica.

Dal 2018 Rebus è frmato da diverse realtà associative ed enti non profit della Valle Camonica, forte dopo 3 anni di 30 volontari, 13 enti aderenti, più di 250 persone aiutate con 85 tonnellate circa di cibo annuo, ancora buono e non scaduto, che altrimenti finirebbe come rifiuto.

Le Associazioni di volontariato coinvolte organizzano e ritirano i prodotti freschi di gastronomia presso i punti vendita della GDO tre volte alla settimana (lunedì-mercoledì – venerdì) e li distribuiscono nella stessa giornata alle famiglie da loro seguite e segnalate dalla rete degli assistenti sociali. Nel rispetto delle norme igieniche-sanitarie richieste dalle normative in vigore (Legge Gadda).

I prodotti recuperati dalla GDO locale, in condizioni di qualità ottimatale e prevalentemente frutta e verdura, contribuiscono ad integrare il fabbisogno alimentare già garantito attraverso prodotti “secchi” quali ad es. pasta, zucchero, scatolame e molto altro.

A fine anno si può ben dire che Rebus è divenuto una realtà importante per tante persone che si trovano, per vari motivi, in condizioni di disagio economico. Rebus è un modello si propone di sviluppare in Valle Camonica un sistema solidale di gestione integrata dello spreco alimentare attraverso il recupero delle eccedenze.

Alla base vi è l’idea di creare un modello organizzativo dove Rebus funge da coordinamento e che promuova la sostenibilità:
1) economica, perché ha bassi costi di mantenimento;
2) ambientale, perché riduce la quantità di rifiuti;
3)sociale, perché genera sostegno circolare a situazioni di fragilità.

Per saperne di più sulla scadenza dei prodotti alimentari che ogni giorno acquistiamo al super mercato e per non sprecare cibo Rebus ha redatto una tabella distinta tra: pane, bevande e prodotti a base di carne.

C’è comunque da rammentare che ogni anno in tutto il globo si spreca più di un miliardo di tonnellate di cibo e oltre la metà di questa ingente quantità proviene dalle cucine di casa nostra!