Tempo di lettura: 1 minuto

Le imprese che investono in attività di ricerca e sviluppo potranno usufruire anche per il 2018 del credito di imposta.

L’opportunità è di finanziare le spese relative al personale impiegato nelle attività di ricerca (non solo quello laureato); le quote di ammortamento per l’acquisizione o utilizzo di beni materiali; i contratti di ricerca (con università, centri di ricerca, altre aziende); le competenze tecniche e i brevetti.

L’agevolazione consiste in un credito d’imposta pari al 50 per cento delle spese
sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nel triennio 2012-2014. E’ inoltre cumulabile con altri incentivi fiscali, quali il super e l’iper ammortamento.

Si tratta di un incentivo particolarmente apprezzato dalle imprese perché non prevede meccanismi di prenotazione a tempo, ma è accessibile automaticamente in fase di redazione di bilancio, indicando le spese sostenute nella dichiarazione dei redditi, nel quadro RU del modello Unico.

CONDIVIDI
GFinance
GFINANCE opera da oltre 25 anni nel settore della finanza agevolata a fianco delle imprese e della pubblica amministrazione. Offre la propria consulenza per il reperimento di risorse finanziarie e di fondi pubblici, con l’attivazione e la gestione di strumenti regionali, nazionali e comunitari di finanza agevolata. Si è specializzata in ambiti che godono di particolare attenzione e rappresentatività: manifatturiero, energia e ambiente, agroalimentare, ict, smart city, welfare e salute.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *