Crema, Cremona. Ricordando, ripensando, ripartendo: dalla cultura e dall’incontro, dal 3 all’11 ottobre va in scena I Mondi di Carta, Festival cultural-gastronomico. Nove giorni e oltre 20 appuntamenti dedicati alla città per progettare una “nuova normalità”.
Il festival annuncia l’autunno con un ricercato palinsesto di appuntamenti, oltre 20, all’insegna del buon vivere: incontri con autori e artisti, concerti, mostre, spettacoli teatrali, degustazioni e molto altro ancora.

Tutti gli eventi si svolgeranno per la prima volta negli spazi della Fondazione Teatro San Domenico; la kermesse, alla sua ottava edizione, ha il patrocinio del Comune di Crema, dell’Assessorato alla Cultura, dalla Regione Lombardia e del MIBACT, del Touring Club Italiano e viene realizzato in collaborazione con la Pro Loco di Crema.

L’Associazione organizzatrice propone quest’anno un Festival più snello nella formula, ma molto vario e particolare, operosamente costruito nonostante le limitazioni imposte dal lockdown e dalle molteplici difficoltà di questo periodo. Un piccolo miracolo possibile grazie all’entusiasmo e alla passione di tutti i soci che hanno più che mai creduto nella cultura dell’incontro e della condivisione.

Fra i grandi ospiti ed interessanti eventi anche in questa edizioni: la scrittrice Ben Pastor, la la regista teatrale Andree Ruth Shammah, il giovane cantante Pierdavide Carone, il gruppo NovansambleElisabetta Sgarbi, il giornalista Ferruccio De Bortoli e moltissimi altri. La manifestazione si svolgerà in piena sicurezza nel rispetto delle normative vigenti per contrastare il Covid-19.

Se il mantra post-lockdown è “bisogna tornare alla normalità”, i Mondi decidono invece di cambiare tutto, a partire dalla location, che per la prima volta dopo sette anni felicemente trascorsi al Centro Culturale Sant’Agostino, si sposta negli spazi della Fondazione San Domenico: il Teatro e i due pregevoli chiostri, cornice ideale per i molti appuntamenti con la musica,  la recitazione e per i talk con i personaggi della cultura e dello spettacolo. A due passi dal Duomo e dal Mercato Austroungarico, altri centri nevralgici della “vita mondana”, come scherzosamente potremmo chiamare le due settimane dei Mondi di Carta.

Si parte sabato 3 Ottobre alle 17,30 in Piazza Duomo con il disvelamento di un’opera “segreta”, che aprirà ufficialmente la porta alla Kermesse, L’opera d’arte veglierà sulla manifestazione per due settimane, accogliendo artisti, amici, turisti e… i cremaschi, naturalmente, a cui questa edizione è dedicata in segno di omaggio per il coraggio, la dignità e la serietà che li ha contraddistinti nell’affrontare l’emergenza Covid. Dopo la cerimonia in Piazza Duomo, alle 18.30  l’evento proseguirà nel Foyer del Teatro San Domenico per l’inaugurazione della mostra fotografica di Marcello Ginelli “La Havana – Viaggio di una notte”.

“Ricordando, ripensando, ripartendo” è il titolo scelto quest’anno per celebrare e dare una testimonianza di fatti, persone, pensieri ed emozioni vissute dai cremaschi nei lunghi mesi del picco pandemico, con lo sguardo rivolto al futuro, naturalmente. Il Presidente dell’Associazione I Mondi di Carta Enrico Tupone spiega le ragioni di questa dedica: “Renderemo omaggio a chi è mancato senza addii, a chi ha lottato in prima linea, a chi è arrivato da lontanissimo per aiutare sconosciuti fratelli in difficoltà, a chi silenziosamente ha fatto la sua parte, e continua a farla. Ragioneremo sul dopo, ripartiremo da un nuovo inizio e l’arte ancora una volta ci fornirà un linguaggio universale per lenire le ferite che ancora sanguinano unendoci nell’abbraccio rigenerante dell’amicizia”.

Il programma.

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.