Gussago e Chiari, Brescia. Musica, giornalismo, medicina, arte, letteratura, filosofia, storia, scienza, teatro. Sono questi gli ingredienti di Rinascimento Culturale, con grandi ospiti e un ciclo dedicato a Leopardi, in programma dal 22 al 26 giugno e dal 9 al 18 settembre.  La kermesse offre un ricco programma che mixa reading, rappresentazioni teatrali, incontri con personaggi di spicco del panorama culturale nazionale e appuntamenti “pop”.rinascimento culturale

Ideata e diretta da Alberto Albertini,  presidente dell’Associazione “Rinascimento Culturale” coadiuvato alla regia da Fabio Piovanelli, giunta alla sua terza edizione. Mission dell’associazione: creare una rete virtuosa basata sul dialogo, il confronto e il coinvolgimento di istituzioni,  università, scuole, altre associazioni e di tutti coloro che intendono dare un contributo per rilanciare il territorio, per promuovere la cultura, per creare occasioni di incontro e condivisione, per favorire la formazione, per promuovere la diffusione delle arti.

Obiettivo del festival, dichiarano gli organizzatori: indicare nuove visioni e idee, aiutarci a “rinascere”, cambiando noi stessi e il mondo, per ripartire dalla cultura e immaginare e magari anche costruire un Paese migliore.rinascimento culturale 1

Il primo incontro, fissato per mercoledì 22 giugno a Gussago  alla chiesa di San Lorenzo alle 20,30, vede protagonista Filippo La Porta, saggista, giornalista e critico letterario italiano, che partirà dal suo ultimo libro, Indaffarati (Bompiani, 2016), per una riflessione su usi e costumi delle nuove generazioni.

Seguirà un ciclo dedicato a Giacomo Leopardi, che prenderà il via giovedì 23 giugno, con la proiezione del film “Il Giovane Favoloso”, sempre alla chiesa di San Lorenzo a Gussago alle 20.30,  e proseguirà sabato 25 con Emanuele Severino. Il più grande filosofo vivente condurrà il pubblico attraverso un viaggio con Leopardi per interrogarsi sulla partita del destino dell’uomo.

Ad approfondire la figura dell’intellettuale di Recanati, venerdì 24 giugno, sarà Paola Italia, docente, nonché grande conoscitrice dell’opera leopardiana – che partirà dal suo ultimo saggio Il metodo Leopardi. Varianti e stile nella formazione delle Canzoni” (Carocci, 2016).L’excursus sul “poeta eterno”  culminerà con il monologo di Luca Micheletti “Lingua mortal non dice” sabato 25 giugno sempre a Gussago.Umberto Galimberti e Alberto Albertini

Giovedì 23 giugno a Chiari, Villa Mazzotti, sarà la volta di Umberto Galimberti, filosofo di fama internazionale,  e di Aldo Bonomi, sociologo altrettanto celeberrimo che parleranno del “feticismo del denaro” e del “capitalismo infinito” nei territori della crisi.

Al centro dell’incontro di domenica 26 giugno, “Una storia quasi perfetta” con la scrittrice vicentina Mariapia Veladiano. A corollario della manifestazione, la mostra dell’artista Tina Moretti nella ex Chiesa di San Lorenzo.

 

Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.