Tempo di lettura: 2 minuti

Gattatico, Reggio Emilia. Si pone un tema di attualità la Scuola di Governo del Territorio Emilio Sereni, qualificare le città e rigenerare le periferie saranno al centro dell’edizione 2017 organizzata come sempre dall’Istituto Alcide Cervi in collaborazione con ANCSA – ANCI Emilia-Romagna e gli Ordini Architetti Province di Modena, Parma, Reggio Emilia. 8, 15, 22 e 29 giugno saranno le giornate di lavoro del corso che riporta l’attenzione sul tema della qualificazione urbana, letta attraverso il parametro della rigenerazione delle periferie urbane.

“Periferia” oggi non è un luogo geografico, ma è una situazione urbana diffusa a macchia di leopardo, legata a condizioni di degrado fisico, di marginalità sociale, di carenza di accessibilità e di servizi. Occorre dunque affrontare questo tema in modo interdisciplinare e in uno stretto legame fra tecnica della pianificazione e sviluppo di efficaci politiche urbane.

Per questo la Scuola di Governo del Territorio Emilio Sereni intende caratterizzare il proprio corso attraverso un dialogo serrato fra progettisti, ricercatori e amministrazioni pubbliche, a tutti i livelli, in modo da ricercare e approfondire gli strumenti capaci di conseguire l’obbiettivo della riqualificazione delle città attraverso la rigenerazione delle aree della periferia.

Lo svolgimento delle attività della scuola viene previsto nelle giornate dei giovedì di giugno, in cui vengono riproposte le modalità di svolgimento maturate attraverso l’esperienza del passato, affiancando momenti di impostazione teorica all’illustrazione di esperienze e strumenti specifici adottati in diversi contesti del Paese.

Ad ogni giornata verranno assegnati crediti formativi da parte degli Ordini Professionali: è stato richiesto l’accreditamento agli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri, in base alle regole vigenti.

La Scuola di Governo del Territorio Emilio Sereni si avvale della collaborazione fra l’Istituto Alcide Cervi, gli Ordini degli Architetti di Modena, Parma e Reggio Emilia, l’Associazione Nazionale Centri Storico-Artistici e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani–Sezione Emilia-Romagna.

Il programma

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *