Tempo di lettura: 4 minuti

Castrezzato (Brescia). Il 10 Settembre all’Arena Ski Roller si svolge “Rock in arena, un evento musicale ma non solo che dal 2008 offre una giornata dedicata alla voglia di esprimersi.

Ogni anno musicisti, skaters, writers e artisti s’incontrano nell’ampio parco messo a disposizione dall’Arena Ski Roller di Castrezzato (BS) e si esibiscono per dar vita ad un’esperienza unica nel suo genere.
Sul palco si esibiranno dal vivo le seguenti band:

rock in arena3

VIA DELL’IRONIA
Ensemble cantautorale Via dell’Ironia, composto da Maria, voce e chitarra, Marialaura, batteria, Giada, basso, Greta alla chitarra e Andrea alle tastiere, e caratterizzato da un sound elettronico e sperimentale.

REQUIEM FOR PAOLA P.
Il gruppo musicale Requiem for Paola P. nasce nel maggio 2007. Dopo un anno esce il primo cd della band, “Simplicity”, completamente autoprodotto e supportato live da varie date di cui alcune con importanti realtà italiane come Ministri, The Fire, De Crew, Marlene Kuntz, Matmata e Il Teatro degli Orrori. Rientrati in studio nel 2009, la band ha poi prodotto il secondo capitolo della sua discografia lavorando con Maurizio Baggio a “Tutti Appesi”, un album caratterizzato dal cantato completamente in italiano e da un’ulteriore maturazione compositiva. In questo lavoro si evidenzia come punto cardine il passaggio dalla lingua inglese alla lingua madre, sia per la volontà di dare ancora maggiore importanza ai testi, sia per enfatizzare il binomio di due voci differenti. Presentato con una mostra di oltre 60 artisti intenti a riprendere il tema dell’Appeso, il disco è stato supportato con un tour di oltre 70 date in tutta la penisola, riscuotendo buone recensioni e risultando un disco vero, lucido, crudo, polemico e riflessivo sui nostri tempi.

Dopo un lungo stop e vari cambi di formazione, la band ha ripreso a comporre musica nuova che ha portato alla stesura di “Sangue Del Tuo Sangue”, il nuovo lavoro targato 2016 ancora più struggente nelle tematiche trattate e nei suoni. Registrato da Daniele Cocca al Blues Cave Studio di Bergamo ed al Real Sound studio di Milano, “Sangue Del Tuo Sangue” è un disco adulto, poliedrico, sofisticato nei testi e negli arrangiamenti, caratterizzato da un’estrema e lunga ricerca che rispecchia perfettamente il percorso ed il cambiamento che i Requiem For Paola P. hanno vissuto nel corso di questi anni. Un disco molto legato alle origini, alla terra, alle radici, alle partenze, ai ritorni e alle sconfitte grandi e piccole a cui siamo ogni giorno partecipi o semplici spettatori.

rock in arena2
Il gruppo musicale Requiem for Paola P.

DON TURBOLENTO
Il progetto è formato da Dario Bertolotti alla batteria e voce e Giovanni Battagliola ai synth e cori. Uniti dalla passione comune per il groove del funk, l’attitudine del rock e le sonorità elettroniche, nella primavera del 2005 decidono di dar vita ai Don Turbolento. Il nome è ispirato da un pezzo degli Yello, eccentrico duo svizzero degli eighties. I DT hanno saputo sviluppare un sound originale, imperniato sulla batteria funk e su un synth nudo e potente, tipico di una certa wave anni 80. Al loro attivo hanno un EP (“Spend the night on the floor”), due album (“Don Turbolento” del 2008 e “Attack!” del 2011), hanno tenuto due tour di circa 50 concerti, hanno aperto le date di Offlaga Disco Pax (2009) e vinto il premio come ‘Miglior disco indie-rock’ al MEI (2009), hanno collaborato con Damo Suzuki dei CAN per un concerto/performance (2010). Nel 2014 partecipano alla Festa dell’Opera di Brescia per la quale realizzano un ep a tiratura limitata (“Puccini”). Dopo “Attack!” le sonorità della band si fanno sempre più scure e complesse e la formula diventa prettamente elettronica. Nel 2015 esce il terzo album “Poli Voks”.

L’electro power duo bresciano propone un sound originale, che rimanda ad una certa wave anni Ottanta. Il loro terzo lavoro “Poli Voks” avvicina la band, ancor di più rispetto ai precedenti lavori, a sonorità spiccatamente elettroniche, che si fondono con spunti groove sino a contaminazioni pop-rock di matrice anglo-americana. Utilizzando solamente strumentazione elettronica e inserendo nello show uno spettacolo di luci, che diventa parte integrante del concerto e dell’arrangiamento visivo dei pezzi, portano sul palco tutte queste contaminazioni e suggestioni sonore, dando vita ad un set dall’ibrida vocazione, che può essere concepito, pur non variando nella sua forma, sia come live che a sostituzione dei classici dj set. Il 2016 vedrà la pubblicazione dei primi brani in lingua italiana, nuovo passaggio chiave nell’evoluzione stilistica della band.

Con i due nuovi singoli, “Sotto l’incenso” e “Non sole cellule” i Don Turbolento esprimono chiara la necessità di tornare a farsi sentire con forza, avvalendosi di un registro comunicato immediatamente comprensibile. L’utilizzo della lingua italiana si manifesta come risposta a una nuova esigenza comunicativa maturata negli ultimi anni, che per potersi esprimere con maggiore forza, ha richiesto l’utilizzo di un codice che arrivasse in maniera più diretta all’ascoltatore, senza gap linguistici a filtrarne il contenuto.

Durante la giornata:

Tornei a premi di Beach Drink Volley
Servizio cucina per tutta la sera
Birra artigianale e cocktail
SPIEDO SU PRENOTAZIONE
a 15 € Spiedo polenta patate 1/2 acqua 1/4 vino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *