Tempo di lettura: 2 minuti

L’amore può essere anche dolore. O meglio, coscienza del dolore. Consapevolezza del dolore che nasce e si alimenta di amorosa assenza.

L’amore può anche nutrirsi di dolore e di assenza. Succede quando quell’assenza non si trasformerà mai più in presenza fisica. Ma sarà un’assenza presente in maniera così potente che trasformerà il dolore da nemico ad alleato e compagno di vita.

Un fotogramma di Nexus di Michele Pastrello
Un fotogramma di Nexus di Michele Pastrello

Michele Pastrello, regista veneziano e autore di Desktop, Awakenings e Sensorium Dei, tre opere di “microcinema” che esplorano l’amore, la libertà e il senso del tempo, alla mezzanotte e un minuto del giorno di San Valentino ha messo online Nexus, il suo nuovo lavoro.

Un video di grande emozione che per Pastrello è un omaggio all’amore. Al dolore che provoca l’amore assente. Ma anche la gioia e l’emozione del ritrovarsi.

Se non ci metti troppo, ti aspetterò tutta la vita scrive Oscar Wilde. Ed è questa promessa che apre Nexus.

Tutta la vita. E’ un amore anziano quello raccontato dal regista veneziano.

Anziano perché lega due persone anziane inserendosi in una scia di attenzione verso il sentimento amoroso della terza e quarta età che abbiamo visto e letto in questi ultimi mesi in libri come “Le nostre anime nella notte” di Kent Haruf o nell’ultimo e discusso film di Paolo Virzì Ella & John.

Un fotogramma di Nexus di Michele Pastrello
Un fotogramma di Nexus di Michele Pastrello

Al di là del tema, per Pastrello l’obiettivo è quello, anche per onorare San Valentino, ” di intercettare un’emozione diversa della risata e puntare sull’aspetto esistenziale o malinconico della condizione umana”.

E di, aggiungo io, trasformare l’amore terreno in un amore cosmico. Massima aspirazione per coloro che si innamorano.

Massimo augurio in una giornata come questa farcita di di cioccolatini e rose rosse, ma spesso avara di baci veri.

Nexus ha l’intensa faccia dolente del padre di Michele Pastrello, Angelo, attore esordiente alla sua veneranda età (la prima e ultima volta, dice lui), e il sorriso antico dell’attrice Carla Camporese.

Il protagonista di Nexus di Michele Pastrello
Il protagonista di Nexus di Michele Pastrello

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *