Lovere, Bergamo. Situata sull’incantevole sponda occidentale del lago d’Iseo, Lovere venne definita dalla scrittrice inglese Lady Mary Wortley Montagu, che vi soggiornò per un lungo periodo, “il luogo più romantico che abbia mai visto in vita mia”. Lovere dal 2003 è annoverato nel prestigioso club de “I Borghi più belli d’Italia”.

Stretta tra lago e montagna, la cittadina si presenta come un grande anfiteatro con splendidi palazzi costruiti con buon gusto e perfetto senso architettonico. Tra questi, il più importante è senza dubbio il palazzo che ospita la Galleria dell’Accademia di belle arti Tadini (1821-1826), percorrendo gli splendidi lungolaghi e la via XX Settembre si arriva all’incantevole Basilica di Santa Maria in Valvendra (sec. XV), situata nel Borgo rinascimentale.

Ad agosto del 2020 ricorrerà il V centenario della consacrazione di Santa Maria in Valvendra, costruita a partire dal 1473 come santuario votivo dedicato alla Vergine delle Grazie da alcune famiglie locali che si erano notevolmente arricchite con il commercio del noto panno di Lovere.

Per celebrare questo importante appuntamento, il Comitato organizzatore voluto dall’Amministrazione comunale con l’Accademia Tadini e la Parrocchia di S. Maria Assunta di Lovere ha predisposto un ricco programma di iniziative dal titolo “Santa Maria per Lovere, Lovere per Santa Maria (1520-2020). 500 anni di Fede, Storia e Arte”. Dal 22 febbraio al 14 novembre, con incontri, conferenze, concerti, un’occasione per conoscere la basilica, la cittadina lacustre e i suoi tesori.

Fra le iniziative si segnalano un interessante ciclo di conferenze curato da Marco Albertario, Direttore della Galleria dell’Accademia Tadini, nel periodo febbraio-novembre, tre concerti di musica classica nel periodo estivo in S. Maria e in Palazzo Bazzini, il solenne Pontificale in S. Maria il 2 agosto celebrato da Sua Eminenza il Cardinal Re, cui seguirà un concerto in Piazza Tredici Martiri e lo spettacolo pirotecnico sul lago.