Tempo di lettura: 2 minuti

Parma – Venerdì 3 febbraio alle ore 21.00, presso il Cinema Edison di Parma, verrà proiettato “Sassi nello stagno“, il film-documentario del regista Luca Gorreri che ricostruisce la storia del “Salso Film e TV Festival” di Salsomaggiore Terme.

Sono in pochi, oggi, a ricordare il “Salso Film e TV Festival” di Salsomaggiore Terme (Parma), uno dei più innovativi e sperimentali degli anni Settanta-Ottanta, nato da un’idea di Giuseppe Bertolucci e dal fermento culturale maturato nel Filmstudio di Roma. Ne ricostruisce la storia, dalla nascita al tramonto, il bel documentario realizzato da Luca Gorreri. Introduce il film e modera il dibattito il critico cinematografico Filiberto Molossi.

Attraverso immagini e video di repertorio, documenti, interviste ad alcuni dei protagonisti (Adriano Aprà, Enrico Ghezzi, Patrizia Pistagnesi, Luciano Recchia, Christa Lang, Samantha Fuller) il film ripercorre la parabola di un Festival che fu una fucina di tutto ciò che si faceva di nuovo nel mondo dal punto di vista del linguaggio audiovisivo e che divenne, nel suo momento culminante, il terzo in Italia per importanza, dopo Venezia e Pesaro.

Luca Gorreri
Luca Gorreri

Il titolo del documentario è emblematico, e nasce dalla convinzione che il Festival di Salsomaggiore fu davvero un sasso nello stagno, una grande pietra miliare che scosse le acque placide della città termale che lo ospitava. Tra i protagonisti del Festival, registi e attori di fama internazionale come Bernardo Bertolucci, Wim Wenders, Jean-Luc Godard, Samuel Fuller, Jim Jarmusch, Pedro Almodovar, Aki Kaurismaki, Otar Ioseliani, Amos Gitai e molti altri ancora.

Al Festival parteciparono anche molti registi esordienti, ora noti al pubblico, come Silvio Soldini, Marco Tullio Giordana, Fiorella Infascelli, Marco Bechis, Silvano Agosti. Non facendo concessioni alla spettacolarizzazione, la manifestazione fu però tacciata di essere elitaria e destinata a pochi intellettuali.

Il documentario, opera prima di Luca Gorreri (che ne firma soggetto, regia, produzione) vuole essere a sua volta un sasso nello stagno che, a venticinque anni di distanza, smuove l’oblio in cui è caduto questo innovativo Festival, mettendo in evidenza, con ironia e autoironia, alcune delle cause della chiusura e proponendo una riflessione sul ruolo culturale dei festival in generale.

Prenderanno parte al dibattito il regista Luca Gorreri e la troupe: Stefania Pioli, montaggio; Simone Manuli, autore delle musiche originali; Fausto Tinello, post-produzione audio; Paolo Rossini, voce.

L’ingresso alla proiezione è libero e gratuito.

Il trailer di documentario.