Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. C’è un ponte che unisce tre città colpite al cuore dal terrorismo. Questo ponte lungo oltre trecento chilometri, da anni a luglio viene percorso dai componenti della staffetta podistica “per non dimenticare”.

“La Staffetta per la Pace” Milano-Brescia-Bologna, un lungo cammino per “non dimenticare” le stragi impunite che negli anni di piombo hanno insanguinato le città lombarde ed emiliana. Piazza Fontana, Piazza della Loggia e la stazione di Bologna, sicuramente tre drammatici episodi che hanno marchiato di terrore la l’Italia del dopoguerra.

L’iniziativa parte dall’Associazione Nazionali Partigiani D’Italia che sceglie il cuore dell’estate, per non mollare mai, per restare sempre all’erta perché violenza, guerra, dittature e terrorismo insanguinano sempre, purtroppo, ogni generazione. Il significato della lunga corsa a staffetta che percorre le strade della Lombardia e dell’Emilia, è profondo e drammaticamente attuale, percorre l’angoscia di un terrorismo mai sconfitto, di stragi impunite

Sabato 31 luglio arriveranno in piazza Loggia, nel cuore della città, simbolo di una ferita mai rimarginata, ma mai dimenticata. L’instancabile lavoro per la ricerca della verità e per il conseguimento della giustizia che l’associazione Casa della Memoria ha instancabilmente condotto negli anni, lunghi e difficili; “Sempre per la verità”

E’ difficile oggi immaginare il clima funesto di quegli anni. L’escalation di violenza innescata a Brescia nei mesi precedenti alla strage. Le tensioni sociali, le paure, i disordini, gli attentati alle sedi di partito e di sindacato, sino alla morte di Silvio Ferrari, giovane neofascista trucidato dal tritolo che trasportava sotto la sella della sua vespa. Il 1974 è stato un anno tragico, dopo la strage di Piazza Loggia, il 4 agosto dello stesso anno il treno Italicus Roma-Monaco esplode in galleria nei pressi di Bologna, muoiono 12 persone. Una tensione che inserisce la strage di piazza Loggia in un quadro molto più ampio e sconcertante, non ascrivibile al solo attentato terroristico di colore politico.

Lo sforzo podistico è un inno alla pace, la Staffetta Milano-Brescia-Bologna, un lungo cammino per “non dimenticare” le stragi impunite che negli anni di piombo hanno insanguinato le città lombarde ed emiliana. Partenza da Piazza Fontana, tappa in Piazza della Loggia per arrivare il 2 agosto, anniversario della strage, alla stazione di Bologna con l’inaugurazione del murale dedicato alla Staffette Podistiche “Per non dimenticare”.