Tempo di lettura: 2 minuti

Ardesio, Bergamo. Usi, costumi, riti, processioni, tutto è buono per scacciare l’inverno nelle antiche tradizioni, dalla pianura alle vallate. Una delle più singolari si svolge ad Ardesio, comune della Val Seriana, il 31 gennaio di ogni anno, alle prime ombre notturne, ragazzi e giovani muniti di campanacci, tolle e “cioche” (campanacci) si lanciano per le vie strette di Ardesio pronti a scacciare l’inverno.

E’ la passione per la “scasada dol zenerù”, che oggi è più viva che mai. Coinvolge spontaneamente gli abitanti, richiamandoli anche dai paesi circostanti, e negli ultimi tempi anche turisti, li spinge all’aperto, sfidando il maltempo, tutti pronti, col maggior fracasso possibile, ad allontanare un altro terribile inverno. Il “Zenerù” viene rappresentato da un pupazzo che alcuni giovani preparano, per poi arderlo.

Così in alta Valle Seriana ogni anno si “scaccia” l’inverno con la “Scasada del Zenerù”, importante e consolidata tradizione del paese, un rituale molto partecipato e atteso, organizzato dalla Pro Loco.

Con il 31 Gennaio, appuntamento considerato nell’antichità cerniera tra inverno e primavera, prendono il via i gelidi giorni della merla e al paese sulle sponde del Serio, la sera di fine gennaio, con qualsiasi tempo, in migliaia si unisco agli ardesiani per scacciare il freddo e la brutta stagione, facendo un gran baccano con campanacci, latte, raganelle piccole e giganti e tutto ciò con cui si può far rumore.

Un corteo attraverso il percorso storico delle vie del paese che segue il famoso fantoccio, il quale, ogni anno con sembianze diverse, rappresenta la fredda stagione che sarà simbolicamente cacciata, bruciando attraverso un meraviglioso e suggestivo falò.

Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.