Tempo di lettura: 2 minuti

I castelli e i borghi storici che circondano Parma non sono sfuggiti agli occhi dei registi e non sfuggiranno ai cineamatori.

Sempre Bertolucci ha scelto Roncole Verdi , a poca distanza dalla Busseto del Maestro Giuseppe Verdi, per un momento di “Novecento” ambientato nella corte agricola delle Piacentine.

Invece a Salsomaggiore Terme si possono rivivere alcune scene di “L’Ultimo Imperatore” ambientato nell’elegante salone moresco del Palazzo dei Congressi.

La città termale è spesso scenografia di cinema, come avvenuto con il film “Il Carabiniere a Cavallo” per la regia di Carlo Lizzani e “Arabella” per la regia di Mauro Bolognini, e come voluto di recente da Gianni Amelio, per il suo nuovo film “Il Signore delle Formiche”, con Elio Germano, Luigi Lo Cascio e Sara Serraiocco.

Incentrato sulla vita di Aldo Braibanti, intellettuale geniale ed eretico messo alla sbarra a fine anni ’60 con la pretestuosa accusa di aver plagiato un giovane, secondo la denuncia della famiglia conservatrice – un’imputazione dietro cui si celava l’accusa di omosessualità e che lo costrinse a due anni di carcere – è ambientato anche a Busseto,

Roccabianca, Fidenza e Piacenza. Tappe imperdibili, luoghi di storia, cultura e di splendidi castelli, tutti da visitare, come il romantico e super fotografato Castello di Torrechiara, che ha fatto da cornice a svariate pellicole, tra le quali “Addio fratello crudele” di Giuseppe Patroni Griffi, “I Condottieri – Giovanni delle Bande Nere” di Luis Trenker, “Donne e Soldati” di Antonio Marchi e Luigi Malerba e, in tempi più recenti, “Ladyhawke” di Richard Donner.