Tempo di lettura: 3 minuti

Gardone Val Trompia, Brescia. Innovazione e sostenibilità, andare oltre i confini, esplorare, immaginare, inventare e concretizzare: questi sono gli stimoli del Festival della Scienza di Officina Liberty che da quest’anno prenderà il nome di “Quantum” Gvt Science & Innovation Week, dal 21 al 26 ottobre.

L’evento, giunto alla quinta edizione e divenuto un appuntamento fisso per scuole, famiglie, ricercatori e grande pubblico, affronterà le tematiche dell’innovazione e della sostenibilità intesa sia come sostenibilità economica che sociale ed ambientale. Temi che vanno di pari passo con il preservare e sviluppare il benessere collettivo e la qualità della vita di ciascuno di noi.

Oltre al nome quest’anno il festival presenta altre novità:

La prima, non banale, è che il Festival esce dalla fase di sperimentazione fatta all’interno del progetto Officina Liberty per prendersi la sua autonomia e diventare a tutti gli effetti un Festival stabile della Città di Gardone Val Trompia.

La seconda è la collaborazione con CSMT (Centro Servizi Multisettoriale e Tecnologico) che – insieme a Università degli Studi di Brescia e Associazione Industriale Bresciana AIB – da maggio 2019 è gestore di Palazzina Liberty, avendo vinto il bando di concessione del Comune. Officina Liberty (fase 2) diventa così un polo tecnologico formato da aziende, esperti dell’innovazione, associazioni, organizzazioni dell’economia sociale e istituzioni che, a stretto contatto, lavorano per lo sviluppo di progetti di ricerca e sviluppo, divulgano una cultura sistemistica, creano, diffondono e contaminano competenze e soluzioni innovative in uno spazio di co-working.

La terza è che quest’anno il Festival abiterà i luoghi della produzione. Si espande oltre ai luoghi abituali (Villa Mutti Bernardelli, le scuole, Palazzina Liberty e i Capannoncini del Parco del Mella): eventi e seminari saranno, infatti, realizzati anche all’interno di imprese e luoghi di produzione (Fabbrica d’Armi Pietro Beretta, Industrie Saleri Italo, Centralina Idroelettrica, Aldeni – Dolomite, Ex-Arsenale).

La quarta è l’attivazione del primo Val Trompia Open Innovation Lab (VTOIB), un laboratorio di innovazione sul tema della montagna e della sostenibilità che si pone l’obiettivo di promuovere l’individuazione di progetti di imprenditoria sostenibile che abbiano la montagna come elemento caratterizzante. Il VTOIB si svolgerà presso lo Stallino dei Piani di Caregno e vedrà il coinvolgimento di 25 giovani innovatori. Un evento realizzato in collaborazione con il Progetto AttivAREE – Valli Resilienti.

Il tema di quest’anno è particolarmente affascinante e permette di esplorare usi pratici e concreti della tecnologia e dell’innovazione; ci permette di comprendere come l’insieme delle azioni e delle tematiche portate avanti da Officina Liberty non siano altro che un approccio integrato e nuovo rispetto a come pensare il nostro vivere futuro, declinando quanto conosciamo con modalità diverse che vanno verso una miglior sostenibilità della vita per tutti.

Centrale anche quest’anno l’attivazione di tantissimi laboratori all’interno dell’Istituto Beretta a cura dei docenti e degli studenti dell’istituto stesso. Molteplici occasioni di ascolto e partecipazione che permettono a tutti di trovare un proprio spazio, dai bambini alle famiglie, dagli adulti agli esperti ma anche ai curiosi.

La scuola è il principale interlocutore del Festival con i suoi attori principali: i giovani ed i docenti. La scuola come luogo per apprendere, sperimentare, orientare i giovani verso il futuro; i giovani portatori di stimoli, energie e nuove visioni; i docenti che guidano i discenti in entusiasmanti momenti di sperimentazione.

Quest’anno si affianca con maggior evidenza il mondo dell’impresa e dell’innovazione: in diversi momenti del Festival si potranno visitare con modalità non convenzionali aziende e luoghi della produzione che, per l’occasione, apriranno le porte a visitatori e partecipanti ai seminari, permettendo così di avere un confronto con queste realtà da diversi punti di vista.

Conferenze, mostre, laboratori, spettacoli, seminari per un programma pieno e di qualità. Scienza, impresa, innovazione incontrano il mondo della cultura. Non c’è spinta all’innovazione senza cultura, senza riscoprire la nostra storia: personaggi come Leonardo da Vinci o Camillo Olivetti sono un patrimonio della storia e della cultura scientifico-tecnologica del nostro paese, ed il Festival è una delle occasioni per avvicinarci anche a loro!

Il programma.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *