Tempo di lettura: < 1 minuto

Regione Lana in Alto Adige, e, nello specifico, Gargazzone custodisce un vero e proprio gioiello nell’ambito dell’ecologia, dell’ecosostenibilità e dell’architettura: la Piscina Naturale.

Si tratta, infatti, di una struttura pubblica molto speciale, che ha rinunciato completamente ad un sistema chimico di depurazione delle acque e che ha adottato un impianto di riscaldamento a pannelli solari per l’acqua delle docce.

Ogni particolare della piscina naturale di Gargazzone è orientato alla sostenibilità ambientale. Turisti e locali possono rinfrescarsi o fare una nuotata nell’acqua color smeraldo della piscina, senza temere irritazioni della pelle o allergie. L’ideale per le pelli delicate dei bambini.

L’ecosistema della Piscina Naturale di Gargazzone, infatti, è molto simile a quello di un lago naturale: la pulizia dell’acqua avviene attraverso un sistema di filtri vegetali, piante acquatiche (per le quali esiste un’apposita area di rigenerazione), fitoplancton e zooplancton.

Questo sistema di filtraggio permette di rimuovere dall’acqua anche batteri e germi patogeni. L’obiettivo di tenere l’acqua pulita viene deve essere anche degli ospiti, ai quali viene chiesto di limitare l’uso di creme solari e saponi e di fare la doccia prima di fare il bagno.