Brescia – Presentato venerdì 10 giugno con un open day dedicato, parte ufficialmente lunedì 20 giugno, dalle ore 17.00 alle 19.00, presso il Centro Sportivo la Badia di Brescia l’originale iniziativa “Senza di me che gioco è?“, progetto fortemente voluto dalla società sportiva Feralpi Salò, sostenuto da Cassa Padana in collaborazione con la Cooperativa Sociale Il Gabbiano e Avis Provinciale Brescia patrocinato dal Comune di Brescia.

Che cos’è in pratica Senza di me che gioco è?“. E’ una scuola di calcio e non solo. E’ uno spazio di gioco aperto ai bambini e ai ragazzi con disabilità che avranno la possibilità di trascorrere del tempo in un ambito protetto, qualificato ed integrato. Si svolge attraverso attività motorie pre-calcistiche e calcistiche gestite da educatori e allenatori di calcio qualificati.

Il progetto offre la possibilità ai bambini portatori di disabilità di praticare attività sportiva, dando vita ad una squadra di calcio, e si inserisce a pieno titolo nella mission di Cassa Padana, attenta a promuovere e sostenere il territorio.” – spiega Giuseppe Cò, referente Area del Mella di Cassa Padana.

Con l’intervento nel piano di lavoro della Cooperativa Sociale Il Gabbiano è stato possibile attivare uno spazio ludico con personale adeguatamente formato e permettere ai ragazzi di svolgere attività sportiva in totale sicurezza.

Un’idea che rientra all’interno di in una pianificazione più ampia, sempre con i bambini ed il loro contesto di vita come protagonisti: “Dopo questa prima fase del progetto, partiranno incontri formativi per personale specializzato, per insegnanti, operatori, gruppi sportivi, all’interno di un disegno di inclusione sociale ad ampio respiro,” – sottolinea Giuseppe Cò –“per creare un ambiente adatto ad accogliere le necessità e realizzare le aspirazioni di questi giovani così speciali”.