Tempo di lettura: 1 minuto

Cremona. È Casa Sperlari di via Palestro, nel cuore della città e sede del sodalizio ADAFA, ad ospitare la mostra retrospettiva “Domani?” dedicata alle opere di Sereno Cordani, nei 100 anni dalla nascita a cura di Tiziana Cordani. La mostra rimarrà aperta al pubblico sino al 29 ottobre.

Cremonese di nascita Sereno Cordani, era nato a Pozzaglio nel 1919, aveva sprigionato sin dalla giovane età l’amore per l’arte e durante il secondo conflitto mondiale, a Roma, dove prestava servizio presso il Ministero dell’Aereonautica, aveva frequentato l’ambiente artistico romano, intrecciando significativi rapporti.

Anche nell’ambiente culturale milanese, dove aveva frequentato  l’Accademia di Brera, contò numerosi amici, dai compagni di corso, al più giovane Fo, all’ambiente teatrale, legandosi a Strehehir e Piccoli, amici che ne fecero emergere la propensione alla scenografia. A quest’ultima si dedicò a lungo, collaborando con una nota Compagnia teatrale cremonese e cogliendo importanti riconoscimenti anche nazionali, soprattutto l’amore per il teatro ne influenzò la poetica, peraltro assai complessa, sospingendola verso una deriva simbolica e surreale e staccandola dalla originaria formulazione realistico – espressionista.

Il mondo di Cordani è assolutamente e totalmente cordaniano, anche quando si sviluppa entro i termini riconducibili ad una poetica antecedente od in atto, grazie ad una straordinaria ricchezza inventiva e ad una assidua, curiosa e pur metodica ricerca di mezzi e linguaggi. Tutto il suo lavoro raggiunge raffinati esiti che vengono riconosciuti tra i significativi del suo tempo. Cordani è stato tra i maggiori esponenti del Fantastico in Italia.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *