Tempo di lettura: 2 minuti

Nella 10ª giornata di ritorno del campionato di serie A2 femminile continua il braccio di ferro in testa alla classifica tra le lombarde Multimedica Geas Sesto San Giovanni e B&P Autoricambi Costa Masnaga.

Le sestesi, tra le quali fa il suo esordio la montenegrina Orozovic autrice di 20 punti, si impongono in trasferta sul campo della G&G International Pordenone (Gregori 12), mentre le lecchesi (Rulli 24 punti e 12 rimbalzi) si impongono nel derby lombardo in casa contro le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano (Maffenini 16) ed allungano sulla Ecodent Alpo Villafranca.

Le scaligere (Ramò 9) cedono di misura nel derby veneto contro il Giants Marghera (Pieropan 16) e precedono le piemontesi dell’Ecoprogram Castelnuovo Scrivia (Ljubenovic 16) che a sorpresa cadono sul campo della pericolante Itas Alperia Bolzano (Matic 19) che a sua volta precede la Tecmar Crema (Parmesani 11) che cede nettamente in terra vicentina sul campo della Velcofin Vicenza (Brcaninovic 20).

Vicenza grazie a questo successo aggancia le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano e si porta a soli 2 punti dalla compagine cremasca.

Alle spalle della coppia lombardo-veneta troviamo la coppia composta da Giants Marghera e Delser Udine; le lagunari stoppano la terza forza del girone ovvero la Ecodent Alpo Villafranca, mentre le carniche (Vicenzotti 19) cadono a sorpresa sul campo del pericolante Cus Cagliari (Rossi 14).

Nella parte destra della classifica punti preziosi in chiave salvezza per la Fassi Gru Albino (Joseph 21) che vince il derby regionale contro Il Carosello Carugate (Albano 19) e stacca di altri 2 punti la Techfind San Salvatore Selargius (Arioli 13) superata nettamente in trasferta dal fanalino di coda Fanola San Martino di Lupari (Profaiser 18) che grazie a questo successo aggancia a quota 10 punti le milanesi del Carugate, mentre le isolane vengono raggiunte a quota 14 punti dall’Itas Alperia Bolzano che stoppa a sorpresa l’Ecoprogram Castelnuovo Scrivia e stacca di 2 punti la coppia composta da Cus Cagliari e G&G International Pordenone, quest’ultima sconfitta nettamente tra le mura amiche dalla capolista Multimedica Geas Sesto San Giovanni.