Tempo di lettura: 2 minuti

Nella 28ª giornata, tredicesima del girone di ritorno, si avvicina a grandi passi la promozione in serie A1 per la Multimedica Geas Sesto San Giovanni (Arturi 15) che vincendo in casa il match clou di giornata contro l’Ecodent Alpo Villafranca (Dell’Olio 18), allunga a +4 sulla vice capolista B&P Autoricambi Costa Masnaga.

A 2 giornate dal termine le lecchesi (Baldelli 28) che hanno perso di misura sul difficile campo della Tec-Mar Crema (Nori 15), punite da una tripla di capitan Caccialanza, si trovano a 4 punti dalle sestesi e quindi, per la compagine di coach Zanotti, basterà un successo nel prossimo weekend per festeggiare il traguardo sfiorato lo scorso anno dove furono sconfitte in finale da Bologna.

Come detto, alle spalle della compagine lecchese troviamo l’Ecodent Alpo Villafranca alla 2ª sconfitta consecutiva, che ora è insediata a soli 2 punti dalle piemontesi della Ecoprogram Castelnuovo Scrivia (Madonna 13) che vince a fatica in casa contro il pericolante Fanola San Martino di Lupari (Keys 12 punti e 12 rimbalzi).

Alle spalle della compagine piemontese torna al successo la Tec-Mar Crema che stoppa la vice capolista B&P Autoricambi Costa Masnaga ed approffitta della doppia sconfitta delle rivali Velcofin Vicenza e le milanesi de Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano. Le beriche (Brcaninovic 13) cedono nel derby regionale contro la Rittmeyer Giants Marghera (Llorente 25), mentre le milanesi (Picotti 7) cedono nel derby lombardo sul campo della Fassi Gru Albino (Joseph 15 punti e 18 rimbalzi), alla 6ª vittoria consecutiva.

Alle spalle della coppia vicentina-milanese troviamo la Delser Udine che mercoledì 25 aprile recupererà l’atteso derby regionale in casa contro la pericolante G&G International Pordenone. La squadra friulana precede la Rittmeyer Giants Marghera che, come detto, supera tra le mura amiche le vicentine della Velcofin Vicenza che a loro volta precedono la Delser Udine.

Alle spalle della compagine carnica troviamo la Fassi Gru Albino, mentre nella zona calda della classifica è sempre bagarre con 6 squadre racchiuse in soli 2 punti. A quota 14 troviamo la Techfind San Salvatore Selargius (Arioli 18) che cede dopo un overtime sul campo del Cus Cagliari (Rossi 27). Le cagliaritane, grazie a questo successo, agganciano le sassaresi e riaprono il discorso salvezza, dal momento che agganciano anche l’Itas Alperia Bolzano (Servillo 14), la quale cade malamente sul campo de Il Carosello Carugate (Albano 18) che grazie a questo successo, aggancia a quota 12 punti la G&G International Pordenone ed il Fanola San Martino di Lupari.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *