Tempo di lettura: 2 minuti

Nella 1ª giornata di ritorno del campionato di serie A2 femminile continua la marcia al comando della capolista Multimedica Geas Sesto San Giovanni (Galbiati 18) che si impone senza grossi problemi in casa nel derby lombardo con la Fassi Gru Albino (Joseph 12) e mantiene 4 punti di vantaggio sull’inseguitrice B&P Autoricambi Costa Masnaga.

Quest’ultima (Rulli e Baldelli 16) si impone in trasferta nel match clou di giornata sul campo dell’Ecodent Alpo Villafranca a cui non sono bastati i 13 punti a testa del trio Vespignani-Dall’Olio e Zampieri ed ora le scaligere hanno solo 2 punti di vantaggio sul terzetto composto da Velcofin Vicenza, Ecoprogram Castelnuovo Scrivia e Tec-Mar Crema.

Le beriche (Brcaninovic 24) passano solo dopo un overtime sul difficile campo della pericolante G&G International Pordenone (Meldere 14 punti ed 11 rimbalzi), mentre le piemontesi (Madonna 14) vincono lo scontro diretto in casa contro la Delser Udine (Rainis 12), mentre le cremasche trascinate da una positiva Martina Capoferri, autrice di 21 punti, vincono in rimonta su una positiva Giants Marghera (Granzotto 12).

Appena sotto questo terzetto troviamo la coppia composta da Delser Udine ed Il Ponte Casa d’Aste San Gabriele Milano che presentava il nuovo acquisto Toffali ex Alpo Villafranca, grazie ai 23 punti di Pozzecco autrice di un inusuale 7 su 8 dall’arco piega di misura in casa le sarde del San Salvatore Selargius a cui non è bastata la doppia doppia di Fabbri (22 punti e 13 rimbalzi).

Appena sotto la coppia lombardo-friulana troviamo il Giants Marghera che cede sul difficile campo della Tec-Mar Crema in cui ha fatto il suo esordio stagionale Gilda Cerri (4 punti al rientro dopo diversi mesi causa infortunio) e mantiene 2 punti di vantaggio sul San Salvatore Selargius superato in trasferta dal San Gabriele Milano.

Nella zona calda della classifica 2ª vittoria consecutiva per il Cus Cagliari (Sorrentino 15) che si impone nello scontro diretto con Il Carosello Carugate (Albano 13) che rimane ferma a quota 8 punti al pari di Edelweiss Albino e Sistema Rosa Pordenone entrambe sconfitte rispettivamente da Geas Sesto San Giovanni e Vicenza, mentre torna al successo dopo diversi mesi di assenza l’Itas Alperia Bolzano (Matic 24 punti e 13 rimbalzi) che si impone in casa del fanalino di coda Fanola San Martino di Lupari (Boaretto 14), sempre più in fondo alla classifica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *