Tempo di lettura: 6 minuti

Nell’8ª giornata, ultima della fase ad orologio, sconfitta per la capolista Bakery Piacenza (Udom 17) che cade nel match clou di giornata sul campo della Vaporart Bernareggio (Aromando 16) che precede la Moncada Group Agrigento (Veronesi 28), la quale si è imposta in casa contro la pericolante Coelsanus Varese (Allegretti 23). Ai piedi del podio troviamo la Elachem Vigevano che nel weekend recupererà il match esterno sul campo della Green Up Crema e che mantiene 2 punti di vantaggio sulla Riso Scotti Pavia che anch’essa deve recuperare il match esterno sul campo della Fidelia Torrenova.

Alle spalle della compagine pavese troviamo la coppia cremonese composta da Green Up Crema che ha 3 gare in meno e Juvi Ferraroni Cremona. I gigliati (Touré 16) vincono in rimonta sul non facile campo della Keos Ragusa (Mastroianni 19) e se la vedranno con i cugini cremaschi nel recupero di mercoledì 12 maggio.

Alle spalle della coppia cremasca-cremonese troviamo la Allianz Bank Bologna (Fontecchio 17) che si impone in casa contro la già rassegnata Mg.K.Vis Piadena (Strautmanis 22) e precede di 2 punti il terzetto composto da Keos Ragusa, Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda e Missoltino.it Olginate. I piacentini (Livelli 18) si aggiudicano lo scontro diretto in casa della Ltc Sangiorgese (Bianchi 17) che deve recuperare 2 gare, mentre i lecchesi (Giannini 24) passano in trasferta sul campo della già retrocessa Mantia Group Palermo (Ben Salem e Di Marco 19) che deve recuperare una sola gara.

Alle spalle di questo terzetto troviamo la Coelsanus Varese, con 2 gare in meno, travolta in trasferta sul campo della vice capolista Moncada Group Agrigento, che a sua volta precede il terzetto composto da Ltc Sangiorgese, Fidelia Torrenova e Mg.K.Vis Piadena che completano il lotto delle partecipanti ai playout. Come detto retrocedono in serie C Gold i siciliani della Mantia Group Palermo.

San Lazzaro di Savena (BO) – Si conclude con l’ennesima sconfitta la seconda fase della Mg.K.Vis Piadena che in terra emiliana cede contro l’Allianz Bank Bologna che si impone con il punteggio finale di 87 a 69, ed ora per i ragazzi del presidente Piazza saranno decisivi i playout per evitare la retrocessione in serie C Gold dove con ogni probabilità saranno sfidanti della Robur et Fides Varese che ha vinto entrambi gli incontri nella regular season con gara di andata ed eventuale “bella” sul campo dei prealpini.

Per questa gara coach Perucchetti deve fare a meno, e così sarà sino al termine della stagione, degli infortunati Malagoli e De Bettin e schiera lo starting five composto da Strautmanis, Chinellato, Motta, Giovara ed Arienti; mentre dall’altra parte coach Lepore subentrato all’esonerato Rota risponde con Graziani, Felici, Fontecchio, Soviero e Maggiotto.

La gara vede un inizio equilibrato con gli ospiti avanti in un paio di occasioni, poi si continua con leggeri vantaggi sino alla fine del 1° quarto, chiuso sul punteggio di 16 a 17 grazie ad un canestro di Motta. Nel 2° periodo il copione non cambia con le squadre sempre a contatto, poi verso la fine del tempo i felsinei con Fontecchio, Felici e Maggiotto volano a +7 e si va così al riposo sul punteggio di 41 a 34.

Al rientro dagli spogliatoi Strautmanis riporta la Mg.K.Vis a -5 con un canestro di Strautmanis, poi altro allungo dei padroni di casa che nel giro di pochi minuti guadagnano un vantaggio di una decina di lunghezze e nel finale con un canestro di Graziani chiude il 3° quarto sul punteggio di 65 a 49. Nell’ultimo periodo la Mg.K.Vis prova a riaprire i giochi e al 37’ Chinellato con un tiro libero riporta gli ospiti a -13, ma poco dopo altro allungo dei felsinei che nel finale arrivano a sfiorare le 20 lunghezze e chiudono il match sul punteggio di 87 a 69.

ALLIANZ BANK BOLOGNA-MG.K.VIS PIADENA 87-69
PARZIALI: 16-17, 41-34, 65-49
ALLIANZ BANK BOLOGNA: Myers 14, Guerri, Graziani 9, Beretta 14, Felici 2, Albertini n.e., Fin 13, Besozzi n.e., Fontecchio 17, Soviero 8, Maggiotto 7, Bianco 3. All.: Lepore.
Nessuno uscito per 5 falli.
MG.K.VIS PIADENA: Strautmanis 22, Tiberti 6, Chinellato 12, Cavagnini n.e., Motta 2, Giovara 7, Tinsley 13, Malaggi n.e., Arienti 6, Ferrazzi, Calò 1. All.: Perucchetti.
Uscito per 5 falli: Calò 30’ (63-47).
ARBITRI: Cattani di Genova e Ferrero di Torino.

Ragusa – Si conclude con un bilancio di 3 vittorie (Torrenova, Palermo e Ragusa) ed una sconfitta (Agrigento) l’inedito tour in terra siciliana che vede i gigliati imporsi sul campo della Keos Ragusa con il punteggio finale di 73 ad 81, dopo una gara in rimonta sin dall’avvio e decisa nel finale.

Per questa gara coach Crotti deve rinunciare all’infortunato Antrops e Bonavida che vengono sostituiti da Bassi e De Martin e schiera lo starting five composto da Masciarelli, Touré, Mercante, Klyuchnyk e Bona; mentre dall’altra parte coach Bocchino risponde con Ianelli, Ugochukwu, Mastroianni, Salafia e Sorrentino.

Pronti e via e la Keos con 3 triple in 3’ con Sorrentino (2) e Mastroianni vola sul 9 a 2, poi reazione dei cremonesi e Varaschin opera il sorpasso sul 9 a 10 al 5’. La gara procede con leggeri vantaggi interni e nel finale Idrissou con 2 canestri consecutivi chiude il 1°quarto sul punteggio di 24 a 18. Nel 2° periodo due canestri in rapida successione di Mercante riporta la Ferraroni a -2, poi si continua punto a punto per alcuni minuti prima di un altro allungo dei padroni di casa e nei secondi finali Chessari dalla lunetta e Iurato mandano le squadre al riposo sul punteggio di 38 a 30.

Al rientro dopo la lunga pausa la Keos con un canestro di Salafia si porta a +14 sul 49 a 35 al 23’, poi reazione della Ferraroni trascinata da Klyuchnyk e Milovanovikj si riporta a -4, ma nel finale altro mini allungo dei locali che si portano a +8, ma sul capovolgimento di fronte Varaschin chiude il 3° periodo sul punteggio di 58 a 52. L’ultimo quarto si apre con la tripla di Bona che riporta gli amaranto oro ad un solo possesso pieno, poi si continua con leggeri vantaggi interni sino al 35’ quando Touré e Milovanovikj con una tripla portano avanti i cremonesi sul 66 a 67 al 35’, ma Ragusa non molla e Mastroianni a poco più di un minuto riporta i suoi a -1, ma nel finale i cremonesi dalla lunetta sul fallo sistematico locale allungano con Touré e Masciarelli.

KEOS RAGUSA-JU.VI. FERRARONI CREMONA 73-81
PARZIALI: 24-18, 38-30, 58-52
KEOS RAGUSA: Ianelli 11, Ugochukwu, Mastroianni 19, Salafia 3, Sorrentino 11, Canzonieri 3, Ferlito n.e., Adeola n.e., Iurato 12, Dinatale n.e., Idrissou 9, Chessari 5. All.: Bocchino.
Uscito per 5 falli: Idrissou 38’ (69-73).
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Masciarelli 11, Touré 16, Mercante 4, Klyuchnyk 15, Bona 10, Milovanovikj 10, Varaschin 15, Giulietti, Bassi n.e., Crescenzi, De Martin n.e. All.: Crotti.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Luchi di Prato e Melai di Santa Maria a Monte (PI).

Nel frattempo in attesa degli ultimi recuperi che sanciranno la griglia dei playoff e playout facciamo il punto della situazione. Crema al momento al 6° posto ha 3 gare in meno, mentre la Juvi è a pari merito con i cremaschi al 7° posto; al contrario Piadena disputerà i playout. In base ai possibili accoppiamenti con le squadre del girone A in chiave playoff Crema in caso di vittoria nelle 3 gare ancora da disputare salirebbe a quota 32 agganciando Bernareggio con la quale però è in svantaggio nella classifica avulsa e quindi potrebbe chiudere al 4° posto e salvo sorprese l’avversario dei rosanero potrebbero essere San Giobbe Chiusi, Etrusca San Miniato, Fulgor Omegna o Raggisolaris Faenza con gara di andata ed eventuale “bella” in casa.

La Ferraroni in caso di vittoria nel recupero contro Crema salirebbe a quota 28 agganciando l’Omnia Pavia con la quale è in vantaggio negli scontri diretti e potrebbe pescare una delle possibili avversarie di Crema. Per quanto riguarda i playout a cui prenderà parte Piadena, gli orange se la vedranno in trasferta contro Virtus Ragusa, Nuova Olginate che devono recuperare una partita, Robur et Fides Varese e Sangiorgese che ne devono recuperare ben 2. Le gare di playoff e playout prenderanno il via con le gare di andata nel prossimo weekend al termine dei recuperi programmati.