Tempo di lettura: 7 minuti

Nella disputa dei Playoff:

Rimini – Nulla da fare per la Juvi Ferraroni Cremona che si sveglia tardi e viene superata di misura sul campo della Riviera Banca Rimini con il punteggio finale di 55 a 52. Per questa gara coach Crotti recupera dopo alcune settimane il lungo Antrops stoppato da un infortunio al tendine d’Achille e schiera lo starting five composto da Masciarelli, Antrops, Mercante, Bona e Touré; mentre dall’altra parte coach Bernardi si presenta senza l’infortunato Rinaldi e risponde con Broglia, Rivali, Crow, Mladenov e Peroni.

La gara vede un inizio equilibrato ma con le difese a dominare sugli sterili attacchi e si procede punto a punto con leggeri vantaggi da ambo le parti ed il 1° quarto si chiude in perfetta parità a quota 13. Nel 2° periodo Rossi e Peroni con 2 triple consecutive sul 21 a 13 al 14′, poi si continua con i padroni di casa che guadagnano un vantaggio di 10 lunghezze ma nel finale 2 canestri consecutivi di Bona riducono il passivo e si va al riposo con 2 possessi pieni di vantaggio per i padroni di casa sul punteggio di 25 a 19.

Al rientro dagli spogliatoi continua il buon momento della Ferraroni che grazie a 2 triple consecutive di Antrops si riporta a -3 sul 28 a 25, ma poco dopo si scatena l’Mvp Peroni che spacca in 2 il match ed i gigliati si disuniscono e nei secondi finali Rivali spinge la Riviera Banca a +15, ma sul capovolgimento di fronte Varaschin con un tiro libero chiude il 3° periodo sul punteggio di 45 a 31. Nell’ultimo periodo Bona e Varaschin riportano la Ferraroni a -10, ma Rimini non riesce ad allungare e successivamente gli amaranto oro arrivano sino a -1 quando mancano solo 2′ sul cronometro. Poco dopo 2 canestri consecutivi di Broglia ed Antrops tengono la contesa in bilico e nel finale dopo un canestro di Ambrosin risponde Mercante, ma sul capovolgimento di fronte l’ex Piadena Simoncelli sbaglia i 2 tiri liberi del possibile +5, ma il tempo gioca a favore dei padroni di casa che congelano la palla sino al suono della sirena finale.

RIVIERA BANCA RIMINI-JU.VI. FERRARONI CREMONA 55-52
PARZIALI: 13-13, 25-19, 45-31
RIVIERA BANCA RIMINI: Simoncelli 4, Ambrosin 6, Rossi 2, Fumagalli 6, Riva n.e., Broglia 4, Rinaldi n.e., Rivali 4, Moffa, Crow 7, Mladenov 2, Peroni 20. All.: Bernardi.
Uscito per 5 falli: Broglia 39′ (53-48).
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Masciarelli, Crescenzi n.e., Bassi n.e., Giulietti n.e., Antrops 13, Vacchelli 3, Mercante 3, Klyuchnyk 6, Bona 12, Milovanovikj, Varaschin 11, Touré 4. All.: Crotti.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Bertuccioli di Pesaro Urbino e Guercio di Ancona.

Verbania – Una Green Up a tratti nervosa si sveglia tardi e viene superata in trasferta dai padroni di casa della Paffoni Omegna che si impone meritatamente con il punteggio finale di 79 a 71, al termine di un match dominato a tratti dalla compagine di casa. Per questa gara coach Eliantonio recupera gli infortunati Perez, Venturoli, l’ex di turno Arrigoni, Pederzini e Montanari, mentre è costretto a rinunciare all’ultimo a Drocker protagonista nel recupero nel derby contro la Juvi di qualche giorno fa e schiera lo starting five composto da Leardini, Montanari, Venturoli, Pederzini ed Arrigoni; mentre dall’altra coach Andreazza risponde con Procacci, Sgobba, Scali, Prandin e Balanzoni.

La gara vede un inizio punto a punto con le 2 compagini che si alternano al comando grazie soprattutto ai canestri dell’ex Arrigoni, poi nel finale la Paffoni con Sgobba, Prandin ed Artioli che sono gli artefici di un parziale di 12 a zero, porta il quarto a chiudersi sul punteggio di 20 ad 11, grazie anche ad una tripla di Del Testa. Nel 2° periodo la Green Up continua a sbagliare anche le più facili conclusioni e la Paffoni ne approfitta per allungare toccando anche un vantaggio di 17 lunghezze, ma è sempre Arrigoni a segnare con continuità e si va al riposo sul punteggio di 44 a 30 e con il n. 12 rosanero già autore di 19 punti ma con 3 falli a carico.

Al rientro dagli spogliatoi una tripla di Leardini ed i canestri di Arrigoni e Montanari riportano la Green Up sotto la doppia cifra di svantaggio sul 46 a 37, ma a questo punto la Paffoni si riprende e trascinati dai propri lunghi arrivano a toccare un vantaggio di una quindicina di lunghezze che gli permettono di chiudere la 3ª frazione sul punteggio di 60 a 45. Gli ultimi 10 minuti partono con un fallo tecnico sanzionato a Pederzini e poco dopo Trentin è il primo cremasco ad uscire per 5 falli e la Omegna ne approfitta per portarsi a +20 sul 65 a 45 con un canestro di Balanzoni, poi la Green Up comincia a trovare i tiri dalla lunga distanza ma l’inerzia rimane sempre nelle mani dei padroni di casa che mantengono un vantaggio di una quindicina di lunghezze complice anche l’uscita per falli dell’ex Arrigoni al 37′. Poco dopo Venturoli ed una tripla di Pederzini riaprono i giochi riportando i leoni indomabili a -10, ma lo stesso Pederzini per proteste viene sanzionato con un fallo tecnico e viene giustamente espulso. Nonostante l’assenza dei 2 lunghi titolari i ragazzi di coach Eliantonio con 2 tiri liberi di Perez e nel finale con una tripla di Leardini si riportano a -8, ma ormai il tempo è poco e gioca a favore della squadra di casa.

PAFFONI OMEGNA-GREEN UP CREMA 79-71
PARZIALI: 20-11, 44-30, 60-45
PAFFONI OMEGNA: Procacci 12, Sgobba 8, Scali 6, Prandin 20, Balanzoni 21, Artioli 6, Battaglia 2, Segala n.e., Terreni n.e., Del Testa 4, Zugno, Neri. All.: Andreazza.
Uscito per 5 falli: Scali 38′ (76-66).
GREEN UP CREMA: Leardini 12, Montanari 5, Venturoli 8, Pederzini 14, Arrigoni 26, Bonvini, Dosen 3, Del Sorbo 1, Drocker n.e., Perez 2, Trentin, Sacchelli n.e. All.: Eliantonio.
Usciti per 5 falli: Trentin 32′ (63-45) ed Arrigoni 37′ (74-61), falli tecnici alla panchina 30′ (57-45) e doppio tecnico a Pederzini 31′ (60-45) e 38′ (76-66), espulso Pederzini 38′ (76-66).
ARBITRI: Giordano di Gela (CL) e Licari di Marsala (TP).



Nella disputa dei Playout
:

San Giorgio su Legnano (MI) – Sconfitta di misura per una sfortunata Mg.K.Vis Piadena che cede sul difficile campo della Ltc Sangiorgese che si impone con il punteggio finale di 62 a 59, al termine di un match sostanzialmente equilibrato. Per questa gara coach Perucchetti deve rinunciare agli infortunati De Bettin e Malagoli e all’ultimo a Giovara e schiera lo starting five composto da Strautmanis, Tiberti, Arienti, Chinellato e Motta e con il nuovo acquisto Marchetti partire dalla panchina; mentre dall’altra parte coach Quilici deve rinunciare agli infortunati Picarelli e Bianchi e risponde con Artuso, Toso, Berra, Bargnesi e Dieng e con il nuovo acquisto Moretti partire dalla panchina.

Pronti e via e la Mg.K.Vis grazie a 4 punti filati di Strautmanis e 2 tiri liberi di Motta si porta avanti sullo 0 a 6 dopo soli 3′, poi lento e graduale recupero dei draghi e nel finale con una tripla di Bargnesi operano il sorpasso sul 12 a 10, ma sul capovolgimento di fronte Motta pareggia i conti a quota 12 e nel finale Moretti e Fragonara chiudono il quarto sul punteggio di 16 a 12. Nel 2° periodo si continua con leggeri vantaggi interni poi si scatenano Berra e Dieng e la Ltc arriva a toccare le 13 lunghezze di vantaggio al 16′, ma nel finale la Mg.K.Vis si riprende ed una tripla di Marchetti manda le squadre al riposo sul punteggio di 33 a 28.

Al rientro dagli spogliatoi i sangiorgesi riprendono un vantaggio di una decina di lunghezze, ma la Mg.K.Vis non cede e grazie a Calò e Motta recupera un leggero vantaggio che le permette di chiudere la 3ª frazione a -6 sul punteggio di 45 a 39. L’ultimo quarto parte con la tripla di Motta del -3, poi la gara si fa nervosa e la coppia arbitrale nel giro di un paio di minuti fischia 5 falli ai locali, tra i quali un tecnico ad Artuso dopo un battibecco con Calò che viene sanzionato anch’esso con un fallo tecnico, e Moretti. Si continua con leggeri vantaggi interni, ma Piadena non cede e nonostante un fallo tecnico a Chinellato e l’uscita per falli di Tiberti si riavvicina sino a -3 grazie ad un canestro di Motta, ma nei secondi finali Marchetti sbaglia la tripla del possibile overtime ed il rimbalzo viene catturato dai padroni di casa che congelano la palla sino al suono della sirena finale.

LTC SANGIORGESE-MG.K.VIS PIADENA 62-59
PARZIALI: 16-12, 33-28, 45-39
LTC SANGIORGESE: Artuso, Toso 8, Berra 9, Bargnesi 20, Dieng 13, Dushi, Cassinerio, Fragonara 4, Codato n.e., Pisoni, Baggi, Moretti 8. All.: Quilici.
Usciti per 5 falli: Artuso 36′ (52-44) e Moretti 37′ (56-49), tecnico ad Artuso 36′ (52-44).
MG.K.VIS PIADENA: Strautmanis 6, Tiberti, Arienti 4, Chinellato 12, Motta 18, Cavagnini n.e., Trevisi, Marchetti 6, Tinsley 3, Ferrazzi n.e., Calò 10. All.: Perucchetti.
Usciti per 5 falli: Calò 36′ (55-49) e Tiberti 39′ (62-56), tecnici a Calò (55-49) e Chinellato 38′ (58-51).
ARBITRI: Berger e Di Gennaro di Roma.