Tempo di lettura: 6 minuti

Nella disputa dei Playoff:

Verbania – Pronto riscatto della Green Up Crema che al termine di una gara combattuta e decisa nell’infuocato finale si impone su una positiva Paffoni Omegna con il punteggio finale di 78 ad 82, grazie a 2 tiri liberi di Montanari a 9” dalla fine. Per questa gara coach Eliantonio recupera l’infortunato Drocker assente in gara 1 e schiera lo starting five composto da Leardini, Venturoli, Pederzini, l’ex di turno Arrigoni ed il già citato Drocker; mentre dall’altra parte coach Andreazza risponde con Procacci, Sgobba, Scali, Prandin e Balanzoni. La gara vede un inizio con le due formazioni che si alternano al comando, poi nel finale la Paffoni con un tiro libero di Balanzoni (il migliore dei suoi) vola a +7, ma nei secondi finali 5 punti in un amen di Trentin chiudono la frazione sul punteggio di 21 a 19. Nella 2ª frazione si continua punto a punto con leggeri vantaggi da una parte e dall’altra e solo nel finale i padroni di casa si staccano leggermente e Sgobba manda le squadre al riposo sul risultato di 41 a 37.

Al rientro dagli spogliatoi parte bene la Green Up che piazza un parziale di 0 ad 8 portandosi a +8, ma la Paffoni non molla e con Sgobba e Procacci pareggia i conti a quota 45 al 25′, poi si continua con leggeri vantaggi da una parte e dall’altra e successivamente i rosanero trascinati dai lunghi Trentin ed Arrigoni allungano seppur di poco ed il 3°tempo si chiude sul punteggio di 56 a 63. Negli ultimi 10 minuti buon inizio dei leoni indomabili e sull’asse Pederzini-Leardini (top scorer della serata con 20 punti) che si portano a +10 sul 58 a 68 al 32′, e successivamente a + 9 ma Omegna non molla e trascinati da Procacci e Del Testa piazza un parziale di 10 a zero operando il sorpasso al 36′ sul 73 a 72. Da lì in poi si procede in equilibrio sino ai secondi finali con Battaglia che a 59” dalla fine pareggia i conti a quota 78, ma sul capovolgimento di fronte Drocker e Montanari dalla lunetta mettono la parola fine al match. Ora Crema ha a disposizione il doppio turno interno per chiudere anzitempo il turno senza ricorrere all’eventuale gara 5 in programma in riva al lago Maggiore.

PAFFONI OMEGNA-GREEN UP CREMA 78-82
PARZIALI: 21-13, 41-37, 56-63
PAFFONI OMEGNA: Procacci 8, Sgobba 11, Scali 8, Prandin 12, Balanzoni 18, Artioli 8, Battaglia 7, Segala n.e., Terreni n.e., Del Testa 6, Zugno, Neri n.e. All.: Andreazza.
Uscito per 5 falli: Procacci 39′ (75-77).
GREEN UP CREMA: Leardini 20, Venturoli 10, Pederzini 8, Arrigoni 13, Drocker 12, Bonvini n.e., Dosen, Del Sorbo, Perez n.e., Montanari 6, Trentin 13, Sacchelli n.e. All.: Eliantonio.
Uscito per 5 falli: Pederzini 39′ (75-77).
ARBITRI: Di Martino di Santa Maria La Carità (NA) ed Agnese di Barano d’Ischia (NA).

Rimini – Pesante battuta d’arresto della Juvi Ferraroni Cremona che in gara 2 cede malamente sul campo della Riviera Banca Rimini che si impone senza problemi con il risultato finale di 88 a 62, e salvo sorprese staccherà il pass per il prossimo turno playoff con i gigliati che cercheranno di allungare la serie al PalaRadi dove giocheranno le prossime 2 gare.

Per questo incontro coach Crotti schiera la stessa formazione di gara 1 con lo starting five composto da Antrops, Bona, Mercante, Masciarelli, Touré; mentre dall’altra parte coach Bernardi risponde con Broglia, Crow, Peroni, Mladenov e Rivali. La gara si mette subito in salita per i cremonesi costretti all’inseguimento già dopo 4′ con i padroni di casa che volano a +10 grazie ad una tripla di Peroni protagonista in gara 1, poi leggero calo dei locali e la Ferraroni si riprende e chiude il quarto a -3 sul 19 a 16 grazie ad un tiro libero di Klyuchnyk. Nel 2° periodo la Ferraroni con Varaschin e Klyuchnyk opera il sorpasso sul 19 a 20, poi si continua con leggeri vantaggi per un paio di minuti prima di un ennesimo allungo riminese grazie ad una tripla di Simoncelli che spinge i suoi a +7, ma Milovanovikj e capitan Vacchelli riportano sotto la Ferraroni, ma nel finale altro mini allungo dei padroni di casa ed è ancora Simoncelli dalla linea dei 6,75 che manda le squadre all’intervallo sul risultato di 42 a 34.

Al rientro dagli spogliatoi la Ferraroni minuto dopo minuto arranca sia in attacco dove Bona non trova la via del canestro che in difesa, che fa acqua da tutte le parti, e Rimini ne approfitta per piazzare il break decisivo sino a portarsi a +21, ma sul capovolgimento di fronte Klyuchnyk chiude il 3° periodo sul risultato di 63 a 44. Gli ultimi 10 minuti sono da incubo per i cremonesi che non riescono a riaprire il match ed i biancorossi trascinati dall’Mvp Crow allungano sino al massimo vantaggio sull’80 a 53 al 37′. Gli ultimi 3 minuti sono di puro garbage time e servono a coach Bernardi per concedere spazio alle seconde linee e per amministrare saggiamente il cospicuo vantaggio e chiudere sul punteggio finale di 86 a 62 grazie ad un botta e risposta tra Ambrosin e Crescenzi, quest’ultimo con 2 tiri liberi.

RIVIERA BANCA RIMINI-JU.VI. FERRARONI CREMONA 88-62
PARZIALI: 19-16, 42-34, 63-44
RIVIERA BANCA RIMINI: Fumagalli 12, Broglia 8, Crow 19, Simoncelli 11, Peroni 10, Moffa 5, Ambrosin 5, Riva, Mladenov 7, Rivali 2, Rinaldi 7, Rossi 2. All.: Bernardi.
Nessuno uscito per 5 falli.
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Antrops 10, Bona 2, Mercante, Masciarelli 2, Touré 5, Vacchelli 7, Varaschin 2, Milovanovikj 17, Giulietti, Bassi 2, Crescenzi 5, Kluchnyk 10. All.: Crotti.
Uscito per 5 falli: Vacchelli 35′ (75-53).
ARBITRI: Attard di Priolo Gargallo (SR) e Giordano di Gela (CL).



Nella disputa dei Playout
:

San Giorgio su Legnano (MI) – Seconda sconfitta in pochi giorni per la Mg.K.Vis Piadena che viene superata nella gara 2 dei playout dai padroni di casa della Ltc Sangiorgese con il punteggio finale di 72 a 60 e nel weekend sarà ospite a Piadena per chiudere la serie condannando i casalaschi alla dolorosa retrocessione in serie C Gold. Per questa gara coach Perucchetti recupera ma non in perfette condizioni Giovara e schiera lo starting five composto da Strautmanis, Tiberti, Arienti, Chinellato e Motta; mentre dall’altra parte coach Quilici risponde con Artuso, Toso, Berra, Bargnesi e Dieng.

La gara non piacevole vede i padroni di casa che nonostante le scarse percentuali vola sull’11 a 4 con un canestro di Dieng, mentre Piadena non realizza nemmeno un canestro su azione. Nel finale una tripla di Motta spezza l’incantesimo ma i padroni di casa mantengono l’inerzia ed il 1° quarto si chiude sul punteggio di 15 a 9. Nel 2° periodo Chinellato con 2 tiri liberi riporta la Mg.K.Vis a -4 per poi risprofondare a -10 a causa dei canestri del trio Berra-Cassinerio e Dieng che permette ai draghi di involarsi sul 21 ad 11 al 14′. A questo punto i piadenesi si riprendono e piazzano un parziale di 9 a zero e grazie ad un gioco da 4 punti di Arienti si riportano a -1 sul 21 a 20 al 17′, poi si procede punto a punto sino ai secondi finali e grazie a 2 tiri liberi di Motta si va all’intervallo sul punteggio di 32 a 31.

Al rientro dagli spogliatoi si continua in sostanziale equilibrio per alcuni minuti, poi la Ltc vola a +6 ma Piadena non molla e nel finale Tiberti riporta gli ospiti a -3 chiudendo la 3ª frazione sul punteggio di 46 a 43. Gli ultimi 10′ iniziano con i canestri di Tiberti e Chinellato che per la prima volta portano avanti la Mg.K.Vis e si continua in sostanziale equilibrio con le 2 formazioni che si alternano al comando sino al convulso finale che vede negli ultimi 2 minuti penalizzata la squadra ospite. A -1 Calò commette il suo 5°fallo personale e per proteste viene sanzionato con un fallo tecnico; le proteste continuano e stavolta a farne le spese è coach Perucchetti che viene punito con la stessa formazione. Di questo momento di nervosismo ospite i padroni di casa ne approfittano per guadagnare un vantaggio di una decina di lunghezze che gli permette di mettere la parola fine al match chiudendo sul punteggio finale di 72 a 60.

LTC SANGIORGESE-MG.K.VIS PIADENA 72-60
PARZIALI: 15-9, 32-31, 46-43
LTC SANGIORGESE: Artuso, Toso 7, Berra 18, Bargnesi 10, Dieng 18, Cassinerio 6, Dushi 4, Fragonara 4, Codato n.e., Pisoni, Baggi, Moretti 4. All.: Quilici.
Uscito per 5 falli Bargnesi 40′ (70-58).
MG.K.VIS PIADENA: Strautmanis 2, Tiberti 6, Arienti 5, Chinellato 7, Motta 13, Calò 8, Cavagnini n.e., Giovara n.e., Trevisi n.e., Marchetti 12, Tinsley 7, Ferrazzi n.e. All.: Perucchetti.
Usciti per 5 falli Calò 38′ (59-58) e Tiberti 39′ (63-58), tecnici a Calò 38′ (59-58) e panchina 38′ (63-58).
ARBITRI: Giunta di Ragusa e Castiglione di Palermo.