Tempo di lettura: 5 minuti

Nella 6ª giornata della 2ª fase del campionato di serie B maschile Old Wild West parità tra vittorie casalinghe ed esterne e 2 gare rinviate causa Covid-19.

A 2 giornate dal termine della 2ª fase è stato ufficializzato il primo verdetto; la Bakery Piacenza (Udom 24) vincendo il derby regionale sul campo dell’Allianz Bank Bologna (Fontecchio 20) chiude al comando seguita dalla Moncada Group Agrigento (Chiarastella 13) sconfitta in casa nel match clou di giornata dalla Riso Scotti Pavia (Torgano e Donadoni 16). A chiudere il podio virtuale troviamo a pari merito la Vaporart Bernareggio e la Elachem Vigevano che si sono affrontate nello scontro diretto. Al termine di un match spettacolare si è imposta la compagine brianzola trascinata dai 27 punti di Laudoni, mentre per i ducali Tassone ha chiuso con 18 punti.

Appena sotto la coppia brianzola-pavese troviamo la Green Up Crema costretto allo stop causa Covid-19 che ha colpito la società cremasca e che ha fatto slittare il match casalingo contro la pericolante Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda e viene raggiunta in classifica dalla Riso Scotti Pavia.

Appena sotto la coppia cremasca-pavese troviamo una positiva Juvi Ferraroni Cremona (Milovanovikj 21) che vince senza grossi problemi sul campo della Mantia Group Palermo (Lombardo 20) che con una gara da recuperare è ad un passo dalla retrocessione in serie C Gold.

A chiudere il lotto delle partecipanti ai playoff troviamo la coppia composta da Allianz Bank Bologna e Keos Ragusa, con quest’ultima costretta al rinvio del match casalingo contro la Coelsanus Varese causa Covid-19 e che rimane attardata di soli 2 punti al pari della Missoltino.it Olginate (Bloise ed Avanzini 13) sconfitta sul campo della Fidelia Torrenova dell’ex Gloria autore di 22 punti e che ora è insidiata da vicino dalla compagine messinese. Al pari della squadra siciliana troviamo anche la Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda con una gara in meno e la Ltc Sangiorgese (Toso 15) che vince il delicato scontro salvezza contro la Mg.K.Vis Piadena (Tiberti 14) relegando i casalaschi al penultimo posto in classifica.

San Giorgio su Legnano (MI) – Ennesima sconfitta per la Mg.K.Vis Piadena che in terra milanese perde un’altra occasione per poter migliorare la precaria classifica e viene superata dai padroni di casa della Ltc Sangiorgese con il punteggio finale di 84 a 64.

Per questa gara coach Perucchetti deve rinunciare ancora una volta a Calò e schiera lo starting five composto da Malagoli, Chinellato, Giovara, Arienti e Motta; mentre dall’altra parte coach Quilici risponde con Bianchi, Picarelli, Artuso, Toso e Bargnesi.

La gara vede un inizio favorevole ai locali che grazie ad una tripla di Bianchi si porta sul 7 a 2 al 2’, poi due canestri consecutivi di Motta riporta gli orange a -1 un minuto dopo, poi si arriva all’8’ con gli ospiti avanti di 9 lunghezze ma nel finale altra reazione dei casalaschi e Chinellato chiude il 1° periodo sul punteggio di 21 a 18. Nel 2° periodo 2 tiri liberi di Tiberti riporta la Mg.K.Vis a -1, poi si prosegue in sostanziale equilibrio per alcuni minuti prima di un ulteriore allungo dei padroni di casa e nel finale Bianchi porta i suoi a +10, ma sul capovolgimento di fronte è ancora Tiberti dalla lunetta che manda le squadre al riposo sul punteggio di 43 a 35.

Al rientro dagli spogliatoi reazione d’orgoglio della Mg.K.Vis che con Motta si riporta a -4, ma poco dopo altro allungo dei padroni di casa che si porta a +14 con un gioco da 3 punti di Berra, ma Piadena è ancora viva e nel finale il solito Tiberti chiude il 3°tempo sul punteggio di 66 a 56. Negli ultimi 10 minuti una tripla di Arienti riporta a -7 la Mg.K.Vis al 32’, ma nei restanti 7’ subisce un pesante parziale di 16 a 3 ed i padroni di casa vincono meritatamente con il punteggio finale di 84 a 64.

LTC SANGIORGESE-MG.K.VIS PIADENA 84-64
PARZIALI: 21-18, 43-35, 66-56
LTC SANGIORGESE: Codato 2, Cassinerio, Bianchi 13, Picarelli 14, Dieng 6, Berra 13, Artuso 11, Toso 15, Dushi 1, Fragonara 3, Baggi, Bargnesi 6. All.: Quilici.
Nessuno uscito per 5 falli.
MG.K.VIS PIADENA: Strautmanis 11, Malagoli, Chinellato 13, Tinsley 1, Giovara 6, Cavagnini, Malaggi, Arienti 7, Motta 13, Ferrazzi, Trevisi, Tiberti 14. All.: Perucchetti.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Bertuccioli di Pesaro Urbino e Settepanella di Roseto degli Abruzzi (TE).

Palermo – Vittoria facile facile per la Juvi Ferraroni Cremona che si sbarazza agevolmente del fanalino di coda Mantia Group Palermo con il punteggio di 66 ad 88.

Per questa gara coach Crotti concede un turno di riposo a Bona e schiera lo starting five composto da Mercante, Antrops, Masciarelli, Varaschin e Touré; mentre dall’altra parte coach Verderosa risponde con Lombardo, Guerra, Martino, Di Marco e Ben Salem.

La gara vede un inizio favorevole ai gigliati che minuto dopo minuto prendono il largo e grazie alle conclusioni dalla distanza chiude il 1° periodo sul punteggio di 14 a 25. Nella 2ª frazione il copione non cambia con i cremonesi che non riescono ad allungare ma i locali non ne approfittano e si arriva così all’intervallo con gli juvini avanti di 12 lunghezze sul punteggio di 37 a 49.

Al rientro dagli spogliatoi la Ferraroni finalmente si sbarazza dei padroni di casa e minuto dopo minuto allunga il proprio vantaggio e nel finale sfiora le 20 lunghezze di vantaggio chiudendo il 3° periodo sul punteggio di 50 a 69. Nell’ultima frazione succede poco o nulla con i cremonesi che controllano agevolmente i tentativi di recupero della Mantia ed il vantaggio supera seppur di poco il “ventello” ed il match si chiude sul punteggio di 66 ad 88.

MANTIA GROUP PALERMO-JU.VI. FERRARONI CREMONA 66-88
PARZIALI: 14-25, 37-49, 50-69
MANTIA GROUP PALERMO: Lombardo 20, Guerra 7, Martino 4, Gentili 7, Di Marco, Drigo 5, Moltrasio 3, Ben Salem 7, Tosti 4, Polaselli 9. All.: Verderosa.
Nessuno uscito per 5 falli.
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Milovanovikj 21, Mercante 10, Antrops 16, Bona n.e., Vacchelli 5, Masciarelli 6, Varaschin 8, Crescenzi 2, Giulietti 4, Bonavida 3, Klyuchnyk 13, Touré. All.: Crotti.
Nessuno uscito per 5 falli.
ARBITRI: Riggio di Siderno (RC) e Giordano di Gela (CL).