Tempo di lettura: 5 minuti

Nella 6ª giornata di andata del campionato di serie B maschile Old Wild West girone B continua la marcia al comando dell’imbattuta Gemini Mestre (Bortolin 22) che solo nel quarto finale passa sul non facile campo della Pontoni Monfalcone a cui non sono bastati i 31 punti di Rezzano, top scorer di giornata. Alle spalle della compagine veneziana troviamo solitaria al 2° posto la Gesteco Cividale del Friuli (Battistini 18) che nel match clou di giornata supera in casa la Juvi Ferraroni Cremona (Preti 12) ancora una volta orfana di Bona infortunato.

Appena sotto la compagine carnica troviamo il quintetto composto dalla stessa Juvi Ferraroni Cremona, la Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda (Ricci 17) che cade di misura tra le mura amiche contro la Tenuta Belcorvo San Vendemiano (Gatto 16) che a sua volta grazie a questo successo sale a quota 8 dove troviamo anche la Allianz Civitus Vicenza (Cecchetti 24) che supera tra le mura amiche la neopromossa LuxArm Lumezzane (Mastrangelo 16) in una sorta di replay del match di Supercoppa disputato a metà settembre e che in quel frangente ha visto la vittoria della formazione berica e che contemporaneamente aggancia la Juvi Ferraroni Cremona sconfitta sul campo della Gesteco Cividale del Friuli. A chiudere il lotto troviamo la rediviva WithU Bergamo (Negri 23) che dopo i 101 punti subiti lo scorso turno in quel di Monfalcone, trova la forza per mettere a segno ben 106 (record stagionale) sul campo della pericolante Allianz Bank Bologna a cui non sono bastati i 22 punti di Graziani.

Con 6 punti troviamo il terzetto da Secis Jesolo, Agostani Caffè Olginate e Rimadesio. I veneziani (Bovo 22) si aggiudicano il derby regionale sul campo del fanalino di coda Antenore Energia Padova (Ferrari 15), mentre i lecchesi (Cucchiaro 19) si impongono di misura sul campo del Lissone Interni Bernareggio (Quartieri 19) ed infine la Rimadesio (Molteni e Leone 16) piega nei secondi finali una sfortunata ed incerottata Green Up Crema (Esposito 11) che rimane ferma a quota 4 punti al pari della Pontoni Monfalcone. In coda continua la serie negativa dei brianzoli del Lissone Interni Bernareggio, l’Allianz Bank Bologna, la LuxArm Lumezzane e la Antenore Energia Padova.


Cividale Del Friuli (UD) – Si interrompe dopo 4 vittorie consecutive la serie positiva della Ju.Vi. Ferraroni Cremona che in terra carnica viene superata nel finale dai padroni di casa della Gesteco Cividale del Friuli che si impongono con il punteggio finale di 58 a 51.

Per questa gara coach Crotti deve rinunciare ancora una volta all’infortunato Bona e schiera lo starting five composto da Milovanovikj, Nasello, Preti, Fumagalli e Gobbato; mentre dall’altra parte coach Pillastrini risponde con Chiera, Rota, Battistini, Rocchi e Miani.

La gara vede un inizio favorevole ai padroni di casa che grazie a 2 triple filate di Miani e Chiera volano sul 12 a 6 al 4’, poi minuto dopo minuto il divario si allarga sino a quando Battistini al 9’ con un gioco da 3 punti doppia i gigliati sul 20 a 10, ma sul capovolgimento di fronte Nasello chiude la 1ª mini frazione sul punteggio di 20 a 12. Nel 2° periodo la Ferraroni cambia marcia e grazie ad un buon gioco di squadra piazza un parziale di 0 ad 11 e Gobbato regala il primo ed unico vantaggio cremonese sul 22 a 23 al 16’; poi si continua con leggeri vantaggi sino ad un minibreak udinese e Rota con una tripla manda le squadre all’intervallo sul punteggio di 32 a 27.

Al rientro dagli spogliatoi Nasello pareggia i conti a quota 34 al 23’, poi si continua con le 2 formazioni sempre a braccetto e solo nel finale Miani spinge i locali sul +6, ma sul capovolgimento di fronte Preti sigla il 48 a 44 che chiude la 3ª frazione. Nell’ultimo quarto Gobbato riporta i gigliati a -3, ma una tripla di Rota ed un canestro di Chiera spingogno i locali sul 54 a 46 al 36’; sembra fatta ma la Ferraroni ha un sussulto e a 40” dalla fine Nasello riporta i cremonesi a -5, ma dopo un time out chiamato da coach Pillastrini, la Gesteco con 2 tiri liberi di Chiera riporta i locali a +7, e sul capovolgimento di fronte Milovanovikj sbaglia la tripla del possibile -4.

GESTECO CIVIDALE DEL FRIULI-JU.VI. FERRARONI CREMONA 58-51
PARZIALI: 20-12, 32-27, 48-44
GESTECO CIVIDALE DEL FRIULI: Laudoni, Paesano, Cassese 3, Chiera 12, Rota 14, Ohenhen n.e., Furin n.e., Cuccu n.e., Battistini 18, Rocchi 2, Micalich n.e., Miani 9. All.: Pillastrini.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo tecnico a Rota 37’ (54-46).
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Milovanovikj 9, Bona n.e., Vacchelli, Nasello 11, Preti 12, Giulietti 8, Boni n.e., De Martin n.e., Tonello n.e., Zoccoli n.e., Fumagalli 6, Gobbato 5. All.: Crotti.
Uscito per 5 falli: Giulietti 37’ (54-47).
ARBITRI: Secchieri di Venezia e Castello di Schio (VI).


Desio (MB) – Continua la serie negativa della Green Up Crema che in terra brianzola cede al cospetto della neopromossa Rimadesio che si impone nel finale con il punteggio finale di 64 a 56.

Per questa gara coach Ghizzinardi deve rinunciare a Kontek infortunato e si presenta con Seck e capitan Del Sorbo in precarie condizioni fisiche, schierando lo starting five composto da Luca Montanari, Venturoli, Seck, Cernivani ed Esposito; mentre dall’altra parte coach Ghirelli si presenta senza Sirakov e schiera lo starting five composto da Ivanaj, Gallazzi, Vangelov, Leone e Mazzoleni.

La gara vede un inizio punto a punto poi i brianzoli prendono un vantaggio di 5-6 lunghezze che manterranno sino a fine quarto con Giarelli che sigla il 20 a 15. Nella 2ª frazione Bianconi sigla subito il 20 a 17, ma poco dopo altro allungo dei padroni di casa che trascinati dall’ex Molteni toccano la doppia cifra di vantaggio e si va al riposo sul punteggio di 34 a 24.

Al rientro dagli spogliatoi il copione non cambia con Desio che mantiene sempre un vantaggio intorno alle 10 lunghezze, ma a questo punto si scatena l’ex di turno Esposito che suona la carica e nei secondi finali il n. 12 cremasco sigla il -5, ma sul capovolgimento di fronte è ancora Molteni a far male ai leoni indomabili ed il 3° quarto si chiude sul punteggio di 50 a 42. Nell’ultima frazione la Green Up prova il tutto per tutto e nonostante qualche forzatura grazie ad un canestro di Luca Montanari acciuffa la parità a quota 55 al 37’, ma sulla stessa azione il n. 32 rosanero sbaglia il tiro libero aggiuntivo che poteva regalare il vantaggio esterno. La gara continua in equilibrio sino all’ultimo minuto, poi nei secondi finali Mazzoleni e l’ex Piadena Leone condannano i cremaschi che per l’ennesima volta devono recitare il mea culpa per la grossa chance sprecata.

RIMADESIO-GREEN UP CREMA 64-56
PARZIALI: 20-15, 34-24, 50-42
RIMADESIO: Ivanaj 3, Gallazzi, Gianoli n.e., Molteni 16, Giarelli 2, Di Giuliomaria, Vangelov 10, Nasini 2, Radice n.e., Leone 16, Mazzoleni 15. All.: Ghirelli.
Uscito per 5 falli: Giarelli 38’ (57-55).
GREEN UP CREMA: F.Montanari 2, Ziviani 2, L.Montanari 9, Venturoli 5, Esposito 11, Bianconi 8, Russo n.e., Seck 6, Carinelli n.e., Del Sorbo 7, Sacchelli n.e., Cernivani 6. All.: Ghizzinardi.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo tecnico a Cernivani 20’ (32-22).
ARBITRI: Agnese di Barano d’Ischia (NA) e Correale di Atripaldi (AV).