Tempo di lettura: 7 minuti

Nella 12ª giornata di ritorno del campionato di serie B maschile girone B doppio hurrà per le formazioni cremonesi. Al comando continua il braccio di ferro tra Juvi Ferraroni Cremona e Gesteco Cividale del Friuli. I cremonesi (Gobbato 11) grazie ad una tripla di Milovanovikj a 14” dalla fine superano in rimonta la Tenuta Belcorvo San Vendemiano (Vedovato 15), mentre gli udinesi (Battistini 25) piegano nel match clou di giornata la Gemini Mestre (Petrucci 17) e rimane al 3° posto a pari merito con la compagine trevigiana.

Alle spalle della coppia veneta troviamo la Withu Bergamo (Simoncelli 17) che a sorpresa cade sul campo della pericolante Green Up Crema (Genovese 24) e mantiene 2 punti di vantaggio sul terzetto composto da Civitus Allianz Vicenza, Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda e Rimadesio. I berici (Piccone 21) cedono nettamente in casa della pericolante Secis Costruzioni Jesolo (Rossi 25) che guadagna 4 importanti punti in chiave salvezza dopo la vittoria nel recupero contro la Luxarm Virtus Lumezzane. Come detto a pari merito della compagine vicentina troviamo la Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda (Alibegovic 28) che supera in trasferta la pericolante Allianz Bank Bologna (Crow 24) ed i brianzoli della Rimadesio (Giarelli 19) che supera nettamente in casa il fanalino di coda Lissone Interni Bernareggio (Ingrosso 17).

A distanza troviamo la Pontoni Monfalcone che ha rinviato al prossimo 4 maggio il match interno contro la Antenore Energia Virtus Padova che nel frattempo viene raggiunta in classifica dalla Luxarm Virtus Lumezzane (Mastrangelo e Scanzi 14) che supera in casa nel derby la Agostani Caffè Olginate (Negri 11) e porta a 4 i punti di vantaggio sul terzetto composto da Green Up Crema che interrompe la serie negativa di 5 sconfitte consecutive ed aggancia la Allianz Bank Bologna con la quale giocherà in terra emiliana un delicato scontro diretto e la Secis Costruzioni Jesolo che a sorpresa supera in casa la più quotata Civitus Allianz Vicenza e staccano di 2 punti la Agostani Caffè Olginate sconfitta in quel di Lumezzane. A 6 punti dalla compagine lecchese troviamo il fanalino di coda Lissone Interni Bernareggio sconfitto nel derby brianzolo sul campo della Rimadesio e che è ad un passo dalla retrocessione diretta in serie C Gold.


Cremona – Grazie ad una tripla di Marko Milovanovikj la Ju.Vi. Ferraroni Cremona supera in rimonta i trevigiani della Tenuta Belcorvo San Vendemiano con il punteggio finale di 62 a 61 e per una sola ora hanno accarezzato la testa solitaria della classifica, ma purtroppo la doccia fredda è giunta da Cividale del Friuli dove i padroni di casa della Gesteco hanno fatto altrettanto e hanno superato la Gemini Mestre sconfitta la settimana precedente da Vacchelli e compagni che si è imposta sulla formazione mestrina con il punteggio finale di 86 a 72.

Tornando alla gara della formazione juvina, coach Crotti deve fare a meno come già accaduto la scorsa settimana all’infortunato Bona e schiera lo starting five composto da Milovanovikj, Nasello, Fumagalli, l’ex Preti e Gobbato; mentre dall’altra parte coach Mian deve rinunciare all’ex Vanoli Cremona Sanguinetti e risponde con Vedovato, Baldini, Giacchè, Gatto e Verri. La gara dopo un inizio equilibrato sino all’11 pari firmato da Gobbato con 2 tiri liberi al 6′, nel finale vede i trevigiani piazzare un parziale di 0 a 12 che consente agli ospiti di doppiare i gigliati sull’11 a 23, mentre il mintempo si chiude con la tripla di capitan Vacchelli per il 14 a 23 del 10′. La 2ª frazione si apre con la tripla di Azzaro per il +12, poi la Ferraroni riapre i giochi e piazza un minibreak di 6 a zero che li riportano a 2 possessi pieni sul 20 a 26 al 14′, ma nel giro di un minuto la coppia Azzaro-Baldini e successivamente Verri riporta i trevigiani a toccare la doppia cifra di vantaggio sul 23 a 34 a poco più di un minuto dalla pausa di metà gara.

Nel finale due triple di Fumagalli e del giovane ex Tonello intervallate dal canestro di Gobbato riporta la Ferraroni ad un possesso di svantaggio e si va al riposo sul punteggio di 31 a 34. Al rientro dagli spogliatoi altra partenza a razzo della Tenuta Belcorvo che grazie ai canestri della coppia Vedovato-Baldini vola a +11 sul 31 a 42 al 24′, ma Nasello sino a quel momento anonimo e Sipala riporta i cremonesi a -6 grazie ad un fallo tecnico sanzionato alla panchina ospite, ma sul capovolgimento di fronte Giacchè chiude la 3ª frazione sul punteggio di 39 a 47. Ad inizio ultimo quarto i trevigiani si riportano sulla doppia cifra di vantaggio sul 41 a 52 con una tripla di Giacchè, ma a questo punto la Ferraroni recupera punto su punto sino a riportarsi a -2, con coach Crotti che chiama il disperato time out. Alla ripresa del gioco Nasello serve Milovanovikj che a 14” dalla fine sigla la tripla del sorpasso e dopo un time out chiamato da coach Mian i trevigiani a 2” dalla fine con Verri hanno a disposizione il match point ma il n.28 ospite sbaglia facendo esplodere di gioia il PalaRadi.

JU.VI. FERRARONI CREMONA-TENUTA BELCORVO SAN VENDEMIANO 62-61
PARZIALI: 14-23, 31-34, 39-47
JU.VI. FERRARONI CREMONA: Milovanovikj 5, Villa n.e., Preti 9, Sipala 5, Giulietti 5, Vacchelli 6, Fumagalli 10, Tonello 3, Nasello 8, Bona n.e., Gobbato 11. All.: Crotti.
Nessuno uscito per 5 falli.
TENUTA BELCORVO SAN VENDEMIANO: Vedovato 15, Ballaben n.e., Baldini 13, Borsetto, Giacchè 9, Guazzotti n.e., Gatto 6, Azzaro 10, Nicoli 2, Sanguinetti n.e., Zocca, Verri 6. All.: Mian.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo tecnico alla panchina 29′ (38-45).
ARBITRI: Rodia di Avellino e Manco di San Giorgio a Cremano (NA).


Crema (CR) – La miglior Green Up Crema di inizio stagione spegne la pesante crisi di risultati e supera tra le mura amiche del PalaCremonesi gli esperti bergamaschi della Withu Bergamo con il punteggio finale di 101 ad 84, interrompendo la serie negativa che durava da 5 giornate.

Per questa gara coach Ghizzinardi deve rinunciare ancora una volta all’infortunato Montanari e schiera lo starting five composto da Cernivani, Ziviani, Genovese, Esposito e Venturoli; mentre dall’altra parte coach Cagnardi al 2° ko consecutivo risponde con Simoncelli, Sodero, Ihedioha, Savoldelli e Dell’Agnello. La gara vede un inizio equilibrato poi la Green Up con una tripla dell’ex juvino Esposito sfiora le 10 lunghezze, ma Bergamo non molla e sull’asse Simoncelli-Sodero si riporta a -3, ma sul capovolgimento di fronte Cernivani e Venturoli con 3 tiri liberi su 4 chiudono i primi 10′ con 2 possessi pieni di vantaggio sul 23 a 17. Ad inizio 2ª frazione il giovane Isotta riporta gli ospiti a -4 a cui replica Venturoli con una tripla ma a questo punto Crema gioca il quarto perfetto e chiude tutti i varchi agli ospiti che minuto dopo minuto si trovano in netta difficoltà; nel finale Konteh spinge i rosanero a sfiorare il trentello e manda le squadre al riposo sul punteggio di 61 a 32 e con i ragazzi di coach Ghizzinardi che giocano senza problemi bucando da ogni posizione il canestro orobico.

Al rientro dagli spogliatoi la Green Up fatica a trovare la via del canestro e la Withu nonostante una situazione falli complicata recupera punto su punto sino ad arrivare a -16 con i canestri di Savoldelli, ma nel finale una tripla di Venturoli e 2 tiri liberi del giovane Ziviani riportano i leoni indomabili a sfiorare le 20 lunghezze di vantaggio, ma sul capovolgimento di fronte Bedini chiude il 3° periodo sul punteggio di 78 a 61. Ad inizio ultima frazione parte bene la Green Up che dopo un canestro di Dell’Agnello grazie ai canestri di Esposito e Genovese e 2 tiri liberi del giovane Adeola si riporta ampiamente sopra le 20 lunghezze e nel finale Venturoli con 2 tiri liberi supera quota 100 a cui risponde sul capovolgimento di fronte Dell’Agnello che chiude il match sul 101 ad 84 finale.

GREEN UP CREMA-WITHU BERGAMO 101-84
PARZIALI: 23-17, 61-32, 78-61
GREEN UP CREMA: Cernivani 20, Ziviani 7, Genovese 24, Esposito 13, Del Sorbo 8, Venturoli 15, Montanari n.e., Mercado Sanchez n.e., Adeola 10, Konteh 4, Sacchelli n.e. All.: Ghizzinardi.
Nessuno uscito per 5 falli, fallo tecnico a Ziviani 35′ (88-70).
WITHU BERGAMO: Savoldelli 17, Sodero 15, Ihedioha 6, Savoldelli 14, Dell’Agnello 10, Cagliani n.e., Rota n.e., Manenti, Isotta 16, Bedini 6, Piccinni n.e. All.: Cagnardi.
Uscito per 5 falli: Savoldelli 38′ (92-78), fallo tecnico alla panchina 12′ (26-19).
ARBITRI: Morra di San Giorgio a Cremano (NA) e Del Gaudio di Massa di Somma (NA).


Infine in settimana si è giocato il recupero valevole per la 1ª giornata di ritorno tra i padroni di casa della Secis Costruzioni Jesolo e la Luxarm Virtus Lumezzane e che ha visto il successo della formazione veneta che grazie a questo successo sale a quota 18 punti a soli 4 punti dalla ipotetica salvezza. Nel dettaglio i tabellini gara:

SECIS COSTRUZIONI JESOLO-LUXARM VIRTUS LUMEZZANE 63-56
PARZIALI: 23-18, 31-27, 51-36
SECIS COSTRUZIONI JESOLO: Favaretto 5, Quaglia 11, Bovo 12, Rosada 6, Rossi 17, Malbasa 5, Maestrello, Bolpin 7, Edraoui n.e., Mei n.e., Busetto. All.: Teso.
LUXARM VIRTUS LUMEZZANE: Ciaramella 11, Scanzi 10, Mastrangelo 8, Fossati 12, Maresca, Fend n.e., Strautmanis, Dilas 11, Dalcò 4, Borghetti, Bordone n.e. All.: Saputo.
ARBITRI: Barbieri di Roma e Correale di Atripalda (AV).

In virtù di questo recupero questa è la classifica aggiornata dopo 25 giornate:
Ju.Vi. Ferraroni Cremona 1952 48, Gesteco United Eagles Cividale del Friuli 48, Gemini Mestre 1958 36, Tenuta Belcorvo Rucker San Vendemiano 36, Withu Bergamo 2014 30, Civitus Allianz Vicenza 2012 28, Alberti & Santi Fiorenzuola d’Arda 1972 28, Rimadesio Aurora Desio 94 28, Pontoni Falconstar Monfalcone 24*, Antenore Energia Virtus Padova 22*, Green Up Crema 18, Allianz Bank Bologna 2016 18, Secis Costruzioni Club Jesolo 18, Agostani Caffè Nuova Olginate 16, Lissone Interni Bernareggio 99 10.
* 1 gara in meno.