Tempo di lettura: 5 minuti

Si occuperanno di emergenze abitative, tutela di parchi e oasi naturalistiche, presteranno soccorso in ambulanza, impareranno a rilevare l’inquinamento atmosferico, costruiranno percorsi pedonali eco-sostenibili nelle città, pianificheranno laboratori di riciclo creativo e interventi socio-educativi per figli di donne vittime di violenza.

Sono solo alcune tra le opportunità più originali proposte dalla rete dei Csv nel bando per il servizio civile di quest’anno. A disposizione oltre 2.200 posti nei 156 progetti (di cui uno nazionale) che saranno attivati in tutta Italia da 12 centri di servizio per il volontariato in 10 regioni. Le proposte sono frutto anche dell’attività di coordinamento realizzata da CSVnet attraverso un ufficio nazionale che ha coinvolto tutti i Csv attivi in questo ambito.

“Già nel periodo maggiormente legato alla pandemia, centinaia di operatori volontari del servizio civile hanno saputo fare la differenza portando il loro prezioso contributo a fianco dei Csv, – dice il presidente di CSVnet Stefano Tabò. – E’ dunque un segnale positivo che il nuovo anno si apra con questa ulteriore opportunità per molti più giovani. I centri di servizio per il volontariato saranno estremamente attenti alla qualità dei progetti, affinché assicurino delle autentiche esperienze di cambiamento”.

Pubblichiamo di seguito una breve descrizione dei progetti con i link ai Csv titolari. I giovani dai 18 ai 28 anni interessati a vivere questa esperienza devono fare domanda attraverso il bando pubblicato dall’Ufficio nazionale per il servizio civile. La scadenza è alle ore 14 di lunedì 8 febbraio.

Nella sezione speciale sul sito di CSVnet sono disponibili notizie, aggiornamenti, e il video promozionale sui progetti di servizio civile proposti dai Csv.

Progetto nazionale

Si intitola “Le regole del gioco”, si svolgerà in 5 regioni per un totale di 49 posti disponibili, ed è volto a diffondere nei giovani la cultura della partecipazione e della cittadinanza responsabile. Ente capofila è il Csv Lazio, mentre altri 8 Csv (BresciaComo VareseMonza Lecco SondrioAbruzzoBasilicataCatanzaroCrotoneVibo Valentia) collaboreranno alla realizzazione delle attività.

Abruzzo

Con i suoi 401 posti disponibili in 22 progetti, il Csv regionale propone una ricca offerta di opportunità per i giovani del territorio che vogliono candidarsi. I futuri operatori volontari saranno coinvolti in interventi socio educativi per figli di donne vittime di violenza; aiuto alle persone con problemi di tossicodipendenza; realizzazione di laboratori in carcere.

Interessanti anche i 6 progetti finanziati con Garanzia Giovani nei quali i giovani operatori potranno sperimentarsi in attività insolite come la costruzione di percorsi pedonali innovativi ed ecosostenibili nella città dell’Aquila, la valorizzazione delle attività escursionistiche e percorsi di mobilità dolce in tutta la regione.

Fino al 20 in gennaio il Csv realizzerà tre infoday in diretta Facebook (info qui).

Basilicata

Saranno 139 i giovani da impiegare nei 12 progetti attivati dal Csv regionale. I giovani operatori si occuperanno di sostegno ai soggetti in situazione di povertà e recupero di eccedenze alimentarivalorizzazione del patrimonio librario e promozione della lettura. In programma anche un progetto prevenzione della dispersione scolastica da parte di minori in condizione di povertà economica.

Calabria

Favorire l’inclusione sociale di persone e famiglie in povertà, supportare lo scambio intergenerazionale, accompagnare le persone con disabilità in un percorso di autonomia, umanizzare gli ambienti ospedalieri, facilitare la partecipazione dei ragazzi alla vita culturale del territorio di appartenenza e promuovere l’educazione ambientale. Sono i temi dei sei progetti promossi dal Csv di Cosenza, che mette a disposizione 270 posti grazie al coinvolgimento di 61 enti di terzo settore e che saranno attuati in 77 sedi in cui i giovani potranno spendere un anno della propria vita, acquisendo competenze e vivendo un’esperienza di valore. Il Csv ha in programma nelle prossime settimane vari incontri di presentazione, per rispondere ai dubbi e offrire maggiori informazioni (info qui).

Campania

Il Csv di Caserta ha ottenuto l’approvazione di 7 progetti per un totale di 59 posti disponibili. Tra le varie attività previste, i ragazzi saranno coinvolti in laboratori contro la dispersione scolastica per ragazzi under 16, mentre, nei progetti finanziati con Garanzia giovani, si occuperanno dello sportello “Diritti al punto” che offre sostegno ai cittadini che hanno sofferto di una violazione dei propri diritti e orientamento di base sulle opportunità lavorative del territorio. Collaboreranno inoltre alla gestione dell’emporio solidale “Buono a rendere”.

Emilia Romagna

Sono 103 le opportunità disponibili nei territori del Csv Emilia, nello specifico 55 posti a Piacenza38 posti a Parma e 10 posti a Reggio Emilia. Anche in questo caso i compiti che saranno assegnati ai giovani saranno tra i più diversi come favorire l’integrazione e l’inclusione delle persone straniere attraverso attività che permettano il superamento degli stereotipi culturali oppure promozione della cittadinanza attiva fra i giovani aiutando nell’organizzazione di campi di volontariato e percorsi di orientamento nelle scuole.

Nel bando 2021 ci sono anche i 6 progetti promossi dal Csv Forlì Cesena che selezionerà 38 operatori per svolgere attività di aiuto e sostegno a diverse associazioni del territorio della provincia. Gli operatori volontari si occuperanno di favorire il dialogo tra cittadini ed enti pubblici,saranno coinvolti in attività di animazione per anziani ospiti nelle case di residenza e in percorsi di accompagnamento sociale e lavorativo di persone e famiglie fragili.

Lazio

Quest’anno 809 giovani prenderanno servizio nei 59 progetti presentati dal Csv Lazio e dagli enti partner. Saranno coinvolti a sostegno del volontariato e in azioni solidali in tutta la regione e non solo. Diversi gli ambiti di impegno tra cui scegliere, dai servizi di accoglienza per i malati oncologici nei reparti ospedalieri alla costruzione di percorsi per far conoscere ai giovani le opportunità del volontariato internazionale. Inoltre tre progetti, che saranno realizzati insieme a Save The Children, impiegheranno 24 giovani nei territori di Milano, Roma, Napoli e Bari per interventi di contrasto alla povertà educativa e per il sostegno dei minori stranieri non accompagnati.

Piemonte

Sono 19 i progetti approvati per il Csv Vol.To di Torino, per un totale di 116 posti disponibili e 17 sedi di svolgimento sparse in tutta la regione. Diversi gli ambiti di intervento in cui saranno coinvolti i giovani grazie a più di 30 associazioni partner dei progetti. Si va dalla tutela di parchi e oasi naturalistiche all’assistenza e trasporto dei pazienti affetti da gravi patologie, attività di tutoraggio scolastico ma anche monitoraggio e prevenzione dell’inquinamento dell’aria.

Fino al 21 gennaio in programma un ciclo di incontri di presentazione (info qui).

Puglia

Si chiama “CARE – “Mille schegge di poesia” il programma che impiegherà 59 operatori volontari negli 8 progetti proposti dal Csv di Bari. Tra le varie opportunità che saranno attivate nei diversi comuni della provincia, gli operatori collaboreranno all’assistenza di pazienti affetti da patologie invalidanti e/o in fase terminale oppure co-progetteranno laboratori di scrittura, lettura e riciclo creativo per minori in condizioni di disagio o di esclusione sociale.

Sardegna

Sono 143 i posti disponibili nei 5 progetti di Servizio Civile Universale promossi dal CSV Sardegna Solidale. Promozione della cultura e del turismo sostenibile, attività di informazione e accoglienza per i giovani, supporto alle associazioni del territorio sono solo alcuni degli ambiti di intervento in cui i futuri operatori volontari saranno coinvolti.

Veneto

Il Csv Padova, ha ottenuto il finanziamento del programma “Tutti dentro o tutti fuori? L’inclusione sociale nelle sue diversità”, che prevede 6 progetti, da realizzarsi tra Padova e Venezia in collaborazione con il Csv locale. Obiettivo comune dei progetti, che coinvolgeranno diverse realtà associative del territorio di riferimento, è rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri e sostenibili. Gli operatori volontari si occuperanno, ad esempio, di social housing, emergenze abitative o di integrazione lavorativa delle persone con disabilità.

Tra i progetti attivati a Verona e provincia, 6 sono proposti dal Csv locale, con il coinvolgimento di 28 enti non profit e offrono la possibilità a 65 giovani di sperimentarsi per un anno. Si può scegliere fra diversi ambiti del sociale: progetti dedicati al patrimonio ambientale e culturale, attività educative per la cittadinanza, supporto alla realizzazione di attività per persone con disabilità oppure soccorso in ambulanza, fino ad arrivare alla comunicazione sul web. Tutti i dettagli saranno illustrati martedì 26 gennaio, alle 18.00, con un incontro informativo online (info qui).