Tempo di lettura: 3 minuti

Siete pronti a lasciare l’automobile in garage dal 16 al 22 settembre? Perché è la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile oltre che a pedala il sella alla bicicletta per gli spostamenti quotidiani al lavoro, per la città, per il tempo libero l’idea di fondo è quella di incoraggiare i cittadini europei a un ripensamento della gamma di opzioni di trasporto disponibili, scegliendo il modo giusto per spostarsi. Invitandoli a combinare tra loro i differenti mezzi di trasporto, adottando quindi delle soluzioni che possono comportare risparmi di tempo e di denaro negli spostamenti urbani.settimanamobilitàtorino-680x365_c
La settimana Europea della Mobilità Sostenibile, promossa dalla Commissione Ue con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sull’impatto dei trasporti sulla qualità dell’aria e incoraggiarli a usare mezzi alternativi all’auto privata.  Una settimana che vuole diffondere consapevolezza sul legame tra le scelte di mobilità, e quindi il traffico motorizzato e l’inquinamento atmosferico delle città, ma anche dei nostri paesi dove l’uso di un mezzo alternativo come la bicicletta è più semplice e comodo, con una migliore fruizione degli spazi urbani. Un’occasione per i comuni, le istituzioni, le organizzazioni e le associazioni di tutta Europa per promuovere la diffusione della mobilità sostenibile e la qualità della vita, presentare proposte alternative e sostenibili per i cittadini e ottenere da loro un feedback utile.bici

Per diversi anni le politiche di mobilità realizzate in tutta Europa hanno privilegiato la circolazione delle vetture private, modalità di trasporto che necessita di una grande quantità di spazi, è costosa ed altamente inquinante, a scapito di altre forme di trasporto, quali la mobilità ciclistica, pedonale o il trasporto pubblico locale. Come risultato, le nostre città hanno visto crescere i livelli di traffico ed inquinamento, a fronte di una riduzione degli spazi per la ricreazione e il tempo libero, con il conseguente e inevitabile abbassamento della qualità della vita.

Tradizionalmente, per fronteggiare il problema della congestione urbana la soluzione alla quale si è fatto ricorso è stata quella di costruire nuove strade o di allargare quelle già esistenti. Ricerche ed analisi, tuttavia, hanno dimostrato che questa, lungi da essere la soluzione al problema, ne costituisce, in realtà, un ulteriore aggravamento, con più persone che optano per spostamenti in auto.metrò brescia
La Settimana Europea della Mobilità rappresenta per Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) è naturalmente un appuntamento fisso e imperdibile, è l’occasione per promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano e per il tempo libero, e rafforzare le collaborazioni con le pubbliche amministrazioni per rendere più ciclabili le nostre città.

Le centinaia di eventi organizzati a livello locale e regionale saranno anche una grande opportunità per far conoscere ed apprezzare le eccellenze storiche e culturali dei nostri territori; inoltre la promozione dei percorsi ciclabili sarà stimolo per una crescita verso modelli europei, con la creazione di nuove opportunità di lavoro. bicicletta

Al primo posto della campagna resta la sensibilità e la partecipazione dei cittadini  fondamentale per rendere le nostre comunità più pulite e vivibili e sviluppare una nuova mobilità rispettosa dell’ambiente che contribuisce a ridurre le emissioni di Co2.

Con le storiche associazioni, come la FIAB, se ne aggiungono altre, prende forma anche un nuovo modo di circolare e andare al lavoro come il caso del car sharing o auto condivisa, quella capace di ridurre il numero di auto circolanti in città, sembra aver messo d’accordo tutti, ambientalisti ed economisti. Si stima che solo in Italia gli iscritti siano oltre 200.000 e che effettuino molte migliaia di noleggi ogni giorno. La capacità del car sharing di ridurre il numero di auto in circolazione rappresenta uno dei motivi principali per cui l’Italia dovrebbe fare il possibile per promuoverlo e farlo diffondere.

Tante le iniziative e le nuove idee che accompagnano la settimana, la FIAB in primo piano ha preparato una serie di iniziative nei vari capoluoghi di provincia.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *