Tempo di lettura: 2 minuti

Villa Carcina, Brescia. Istituita il 17 dicembre 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne rappresenta il momento più importante dell’anno per parlare, informare e sensibilizzare su questo grave problema. Che riguarda tutti i Paesi del mondo.

Da sabato 10 novembre a domenica 25 novembre apre la mostra “Sguardi di Donna”, realizzata dall’AAB associazione degli artisti bresciani, che si terrà nei locali del Polo espositivo di Villa Glisenti. Esporranno le artiste Laura Benedetti, Giusi Lazzari, Manuela Marziali, Pinuccia Nicolosi, Lionella Parolari.

Sabato 10 l’inaugurazione alle ore 17, con la presenza del presidente dell’AAB Massimo Tedeschi e della giornalista Milena Moneta.  Aperture il Sabato dalle 15 alle 19 e la Domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19. L’ingesso è libero.

La mostra sarà poi aperta durante le tre serate di presentazione di libri, in compagnia delle autrici:

Giovedì 15 novembre, alle ore 20.30 nella sala conferenze di Villa Glisenti, l’autrice Sara Cremini presenterà il libro “La seconda rivolta degli orchi. Neméria”, edito quest’anno da Europa Edizioni, un viaggio alla scoperta del fantastico mondo di Neméria.

Domenica 18 novembre alle 17 presso Villa Glisenti, l’autrice Inia Belleri presenterà alcuni dei suoi libri: “Virginia”, il suo primo romanzo che racconta la storia di donne vissute nei primi anni del ‘900; “Battistino”, biografia romanzata dell’infanzia a Concesio del Santo Paolo VI e “Quando si muove il cuore”, l’ultimo romanzo che racconta delle infinite possibilità che la vita ci dona – Varum Editore.

Domenica 25 novembre, alle ore 17 nella sala conferenze di Villa Glisenti, l’autrice Emanuela Taddei presenterà il libro “Rinascita al Museo Santa Giulia”, edito quest’anno dalla Compagnia della Stampa, grazie al quale potremo conoscere le maggiori attrattive museali di Santa Giulia, attraverso un romanzo.

La violenza sulle donne ha molti volti; dai reati come la violenza fisica a quella sessuale, lo stupro, senza dimenticare la violenza psicologica. In Italia e nel mondo subisce violenza, mediamente, una donna su tre dai 15 anni in su. Il timore della violenza è confermato dal dato secondo il quale il 53% di donne in tutta l’Unione Europea afferma di evitare determinati luoghi o situazioni per paura di essere aggredita.

Un atto di violenza contro le donne può accadere ovunque: dentro le mura domestiche, sul posto di lavoro, per strada. Sono spesso i partner o gli ex partner a commettere gli atti più gravi: in Italia sono, infatti, responsabili del 62,7% degli stupri. Una lunga scia di violenza che può culminare con l’estrema conseguenza: il femminicidio. Nel 38% dei casi di omicidi di donne, il responsabile è, ancora una volta, il partner.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *