Tempo di lettura: 2 minuti

Rovato, Brescia. Si celebra venerdì 7 dicembre l’annuale concorso per tesi di laurea promosso da Fondazione Cogeme Onlus, la premiazione si svolgerà presso sala Cda, Cogeme spa, in via XXV aprile, 18.

La Fondazione Cogeme, e le società del gruppo, promuovono un concorso annuale allo scopo di valorizzare tesi di laurea di particolare interesse scientifico a supporto delle rispettive “mission” aziendali, nell’ambito di un più generale richiamo ai principi de “La carta della terra” e alle prassi dell’economia circolare.

Una delle novità più significative delle ultime edizioni è rappresentata dalla possibilità per i vincitori di avviare tirocini extracurricolari presso le società del gruppo, in alternativa al tradizionale premio economico, che comunque rimarrà possibile come scelta.

Un impegno di Fondazione Cogeme legato a una visione sostenibile e integrata del territorio, sempre più in linea alle recenti direttive europee, e con un approccio innovativo e multidisciplinare.

Le sezioni del premio divise in:

Acqua, per premiare tesi di laurea riguardanti le politiche, le applicazioni e le innovazioni nell’ottica di una gestione sostenibile ed efficiente del servizio idrico integrato

Energia, per premiare tesi di laurea riguardanti le politiche energetiche e l’uso di fonti rinnovabili, prioritariamente ad opera degli Enti locali

Economia Circolare, per premiare tesi di laurea riguardanti una gestione sostenibile della filiera dei rifiuti o dei processi industriali e che pongano in particolar modo l’attenzione sui temi del riciclo, riuso e recupero

Cultura Circolare, per premiare tesi di laurea umanistiche che offrano spunti e modelli innovativi nonché buone prassi nei campi della cultura, storia e stili di vita legati all’economia circolare

Carta della Terra “Vittorio Falsina” per premiare tesi di laurea che approfondiscono una visione integrata e sostenibile della realtà ispirandosi ai principi de “La Carta della Terra” alla cui stesura partecipò Padre Vittorio Falsina, brillante giovane di Castegnato scomparso all’età di 39 anni, ha partecipato al lungo e laborioso processo di redazione della “Carta della Terra” fino al 2001. L’impegno per l’ambiente, la sua tensione etica e la sua apertura culturale, hanno contribuito a rendere sempre più concreto in concetto di “rete delle vita”.

Il programma:

Ore 15 saluti istituzionali

Ore 15.15 premiazione di ciascuna sezione: consegna del premio da parte di Presidenti/Direttori, famiglia Falsina per la sezione “Carta della terra” e “Cultura Circolare”

Ore 15.45 rinfresco

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *