Dare a chi dorme per strada un posto sicuro per passare la notte, a bordo di vecchi autobus trasformati in rifugi.

L’idea è di Simon Rowe, ex senzatetto di Melbourne, in Australia. “Sleep Bus”, questo il nome del progetto, è stato lanciato con un crowdfunding in rete e in poco tempo ha raggiunto la cifra di 46 mila dollari (l’obiettivo è raccoglierne 50 mila).

Sugli autobus, le persone senza dimora troveranno un posto per dormire (22 le postazioni previste) per sé e per il loro animale, un bagno, caricatori con prese usb. Secondo Rowe, “per ospitare tutti coloro che dormono in strada servirebbero almeno 300 autobus”. Si stima, infatti, che in Australia ci siano almeno 105 mila senzatetto, di cui 6 mila dormono in modo irregolare e mille hanno meno di 12 anni.

Poter dormire è tutto. Come spiegato sul sito dell’organizzazione “Sleep Bus”, il sonno gioca un ruolo vitale per il benessere e la salute delle persone e riuscire a dormire un sonno di qualità (almeno 7-9 ore a notte per una persona adulta) serve a proteggere la salute mentale, fisica e la sicurezza di una persona.

Per chi dorme in modo irregolare, fare un buon sonno è praticamente impossibile, la conseguenza può essere la cronicizzazione della situazione in strada. La mancanza di sonno può influenzare la salute mentale di una persona nel tempo: bassa stima, isolamento sociale, inasprimento o sviluppo di disturbi mentali inclusa schizofrenia, depressione, bipolarismo, disturbo da stress post traumatico.

La carenza di sonno può portare anche a problemi per la salute fisica come diabete, attacchi di cuore, problemi di respirazione. Chi dorme in strada è esposto a maltempo, aggressioni, bullismo, rapine. Rischia di sviluppare dipendenza da alcol e droga con ulteriori conseguenze per la salute.

“La nostra non è una soluzione a lungo termine per chi dorme per strada, non offriamo assistenza psicologica, non diamo soldi – spiegano sul sito dell’associazione “Sleep Bus” – ma un posto confortevole e sicuro in cui poter dormire. Lasciamo le soluzioni a lungo termine e l’assistenza a tutte quelle organizzazioni che già si occupano di questo compito vitale. Noi vogliamo togliere le persone dalla strada: a bordo dello ‘Sleep Bus’ possono fare un sonno tranquillo, al caldo e al sicuro”. 

Redattore Sociale
Il Network di Redattore sociale raggruppa diverse iniziative di informazione, documentazione e formazione sui temi sociali. A promuoverle è la Comunità di Capodarco di Fermo, dal 1966 una delle organizzazioni italiane più attive nell’intervento a favore di persone in difficoltà e oggi diffusa in varie regioni. Motore di questa rete è la redazione dell’Agenzia giornalistica quotidiana Redattore sociale, nata nel febbraio 2001 ed oggi attiva su un portale web riservato agli abbonati.