Tempo di lettura: < 1 minuto

Riparte con 95 milioni il bando Smart&Start Italia, il principale incentivo del Governo dedicato alla nascita e alla crescita delle startup innovative ad alto contenuto tecnologico su tutto il territorio nazionale.

Il programma finanzia lo sviluppo di prodotti, servizi e soluzioni nel campo dell’economia digitale e la valorizzazione dei risultati della ricerca.

L’opportunità è di ricevere un finanziamento a tasso zero, senza interessi e senza garanzie, a copertura del 70% dei costi di investimento e di gestione legati all’avvio del progetto, inclusi i costi del personale dipendente. La percentuale massima di finanziamento sale all’80% se la start-up è costituita esclusivamente da donne o da giovani sotto i 35 anni, oppure se al suo interno è presente un ricercatore che rientra dall’estero.

Le startup localizzate in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia beneficiano anche di una quota di finanziamento a fondo perduto (20%).
La misura è aperta a sportello: le domande sono valutate in base all’ordine di arrivo e fino a esaurimento dei fondi.

Dal 2015, anno di avvio dello sportello, Smart&Start Italia ha finanziato 268 startup, per un totale di 132 milioni di euro di agevolazioni concesse.