Fratta Polesine, Rovigo. Villa Badoer è una della gentilizie dimore della rassegna “Sorsi d’Autore: da vent’anni, con stile”. Prestigiose ville venete accolgono la XX edizione, che si terrà dal 22 giugno al 7 luglio, in programma momenti di confronto con ospiti di eterogeneo background: la conduttrice Andrea Delogu, il drammaturgo Stefano Massini, il Premio Campiello Rosella Postorino, i giornalisti Domenico Iannacone e Ferruccio De Bortoli. Moderano gli incontri Luca Telese e Cinzia Tani.

Queste dimore hanno infatti avuto storicamente un ruolo fondamentale per l’avvio del processo di specializzazione e crescita economica in terraferma, sono state anche al centro di un progetto di immenso valore artistico, capace di attrarre le maestranze più in voga del tempo, da Palladio a Tintoretto.

Gli eventi di Sorsi d’Autore hanno visto queste dimore nelle precedenti edizioni, l’astrofisica Margherita Hack al Premio Nobel per l’Economia Eric Maskin, ma anche Mario Monicelli, Tim Parks e Piero Angela sono alcuni dei personaggi che in vent’anni hanno partecipato a Sorsi d’autore: manifestazione ideata da Fondazione Aida con l’obiettivo di valorizzare l’eccellenza vitivinicola ed enogastronomica regionale attraverso degustazioni e incontri in alcune Ville Venete con selezionati portavoce della nostra cultura.“Sorsi d’Autore – spiega Meri Malaguti, direttore Fondazione Aida – nasce come un progetto di abbinamento vino e cultura, un format consolidato di valorizzazione dei migliori prodotti vitivinicoli della regione che ogni anno selezioniamo con Ais Veneto. I produttori hanno la possibilità di presentare i vini in un contesto privilegiato e informale che storicamente si presta alla produzione agricola.

Le ville venete nascono infatti per rispondere alle esigenze della Repubblica di Venezia ed è proprio grazie ai patrizi illuminati che il vigneto nel tempo si perfeziona diventando l’eccellenza che riconosciamo oggi. Il binomio vino e cultura degli eventi di Sorsi d’Autore trova valore storico nel patrimonio paesaggistico e artistico di queste dimore, e si conferma nel contributo degli ospiti, noti autori o personaggi che meglio rappresentano uno spaccato della nostra contemporaneità”.

Completano la manifestazione le iniziative collaterali che consentono di apprezzare le peculiarità storiche e artistiche delle ville: nelle giornate di incontro alle ore 18, presso i saloni, si prevedono degustazioni di vini di pregio guidate dai produttori e dai sommelier. Segue alle ore 19.00 la visita guidata. Questi eventi sono riservati a un ristretto numero di persone per cui si consiglia la prenotazione tel 045/8001471  fondazione@fondazioneaida.it

Il programma.