Tempo di lettura: 2 minuti

Leno (Brescia) – Appuntamento oggi venerdì 24 novembre alle ore 11.00 in Villa Badia alla presenza di Cristina Cappellini, assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia, con il documentario prodotto da Regione Lombardia “SottoDiNoi. Viaggio nell’archeologia lombarda”, che rientra nell’ambito del programma di valorizzazione delle civiltà e delle culture che si sono stratificate nel tempo in terra lombarda nel corso dei millenni.

Realizzato dalla regista Teresa Sala del Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano, il documentario, che ha aperto lo scorso ottobre il XVI Festival internazionale del Cinema d’Arte di Milano, è un suggestivo viaggio a ritroso nei secoli attraverso le epoche storiche che hanno lasciato una traccia visibile nei territori della Lombardia: dal medioevo fino al triassico, passando per l’età longobarda, etrusca e romana.

Dalle cime delle Alpi al cuore della pianura Padana, fino alle rive del Po, i fotogrammi illustrano il lavoro degli archeologi e dei funzionari del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, impegnati a scavare i siti ed a recuperare le testimonianze della storia della Lombardia, dagli insediamenti neolitici ed eneolitici ai Celti e agli Etruschi, dai Romani ai Longobardi, alla cui civiltà la terra lombarda deve il suo nome.

SOTTOdiNOI TRAILER from Teresa Sala on Vimeo.

Non è un caso che sia stato scelto Leno e Villa Badia in particolare per presentare il video “SottoDiNoi” voluto dall’assessore regionale Cristina Cappellini. Occorre sottolineare, infatti, che il territorio di Leno ha restituito straordinarie testimonianze longobarde, provenienti dalle numerose necropoli scavate nei decenni scorsi e che lo splendido parco dell’ottocentesca Villa Badia, sorta nel luogo dov’era collocato il monastero di San Benedetto ad Leones, fondato nel 758 dall’ultimo re longobardo Desiderio su proprietà della sua famiglia, è interessato da una campagna di scavo, illustrata dalle immagini dello stesso documentario.

A margine della proiezione, l’archeologo Fabio Saggioro, dell’Università degli Studi di Verona, darà conto degli straordinari risultati ottenuti dall’attività di scavo di circa trecento giovani archeologi, laureati e dottorandi provenienti da università italiane, europee ed extraeuropee negli ultimi quattro anni della poliennale campagna di scavi, coordinata da Andrea Breda, funzionario della Soprintendenza Archeologia delle Belle Arti e Paesaggio per le province di Bergamo e Brescia.

Angelo Baronio, coordinatore scientifico della Fondazione Dominato Leonense, illustrerà, a sua volta, il complesso progetto “Abbazia di San Benedetto di Leno”, il cui obiettivo è di ricostruire la storia dell’importante istituzione benedettina, figlia diretta di Montecassino, attuando una duplice strategia, che prevede: da un lato l’edizione critica delle fonti documentarie dell’archivio monastico leonense; dall’altro la pubblicazione delle fonti archeologiche, che l’impegnativa campagna di scavi sta gradualmente restituendo.

Infine, Franco Aliprandi, segretario della Fondazione Dominato Leonense, istituita da Cassa Padana con il concorso dei comuni della zona e da singoli privati, ne illustrerà le finalità e gli obiettivi, tesi ad avviare e sostenere le iniziative di promozione culturale delle comunità insediate nel vasto territorio aldiquà e aldilà del Po, di competenza della banca.

CONDIVIDI
Marco Sacchi
Bresciano di origine e residenza, frequenta l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza dove si specializza in Economia aziendale. Dal 2011 in forza presso la Fondazione Dominato Leonense di Leno, dove promuove la storia del Monastero benedettino “Ad Leones” e attività di promozione del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *