Diario di viaggio / Western Africa in moto

    416
    Damiano e Luisa
    Tempo di lettura: 1 minuto

    Dopo 31 anni dal mio primo battesimo in terra Africa (Marocco 1985) e dopo 30 anni (Tunisia 1986) dalla “mia prima Africa” con Luisa, eccomi di nuovo ad affrontare nuovi e sempre più lontani orizzonti.
    Tornerò finalmente a correre in quegli spazi che da sempre affascinano esploratori, avventurieri, sportivi…

    Ma cosa mi porterà ancora una volta a rischiare tutto quello che fin qui ho costruito? La risposta viene immediata, spontanea, come l’acqua da una sorgente di montagna. E’ lo spirito di libertà, che anno dopo anno, avventura dopo avventura, cresce sempre più nella tua anima e nella tua mente, fino a diventare ragione (essenza) del tuo essere.

    Ma perché l’Africa e perché la grande meta di quest’anno che tra l’altro non ho ancora svelato? E’ il destino che ci sceglie o, come fermamente voglio credere, è ognuno di noi che sceglie il proprio destino?

    Donna marocchina

    Diario di viaggio / Western Africa17: 9200 chilometri dopo

    Il mio (nostro) viaggio è finito, dopo 30 giorni, 9200 chilometri percorsi su terra e oltre 2000 miglia attraversate per mare. La sua intensità, le sue difficoltà, la continua concentrazione per la sua riuscita, e, non ultimo, la stanchezza.
    Sidi_Ouarzeg

    Diario di viaggio / Western Africa16: nella nave delle fiabe

    Sidi Ouarzeg, Marocco. August 8, 2016 Day 25 Lasciamo Tarfaya dopo le foto di rito al piccolo museo e i convenevoli (sinceri) al Professeur e...
    Dogana-di-Rosso

    Diario di viaggio / Western Africa12: il passaggio Rosso

    St. Louis, Senegal, August 2 - Auberge Menatá è il nostro rifugio a Nouakachott. Sì, rifugio, perché la città è sotto controllo dei militari e ogni incrocio è presidiato da forze speciali di sicurezza. Questo come detto per il grande summit in cittá dei Paesi arabi.
    western africa

    Diario di viaggio / Western Africa15: lo spirito di S. Exupery

    Tarfaya, Western Sahara, Marocco, August 6 Day 21, 6.480 km Oggi puntiamo a Dakhla. Solo 260 chilometri, voglio infatti riprendere un po' le forze dopo le...
    western africa

    Diario di viaggio / Western Africa14: la potenza dell’Africa

    520 chilometri di sabbia lasciano il segno. Giaccio insonne sul mio letto. È notte fonda e sui vetri del nostro rifugio, una cattedrale nel deserto che sembra un castello di carte, batte furiosa una tempesta di sabbia. Sabbia... Sta penetrando dappertutto. La sua forza è implacabile, sembra non avere limiti.
    sosta

    Diario di viaggio / Western Africa13: il viaggio che volevo

    Nouakachott, 2 August, Day 20 km. 5.580 - Lasciamo di buon ora Saint Louis, una cittá che mai più dimenticheremo. Il fascino della sua lenta e inesorabile decadenza entra nel cuore. E penso:questo è il viaggio che volevo, vero, duro, da viaggiatori puri. Ora, dobbiamo solo cavarcela...
    Lago rosa

    Diario di viaggio / Wester Africa11: lo spirito di Dakar

    Lac Rose, Dakar, Senegal - Tra due ali di pescatori e raccoglitori di sale, sfiliamo in parata a pochi passi dall'acqua, come fossi un vero pilota di quella competizione che, non ho dubbi di considerare, come la massima sfida in tempi moderni con mezzi meccanici a due e quattro ruote.
    Saly Senegal

    Diario di viaggio / Western Africa10: Dakar è caduta

    Saly, Petite Cote, Senegal, July 28 - Oggi alle ore 15 dopo lungo assedio anche Dakar è caduta! Entriamo in Place de L'indipendance in una città praticamente militarizzata, ad una temperatura di 36 gradi.
    Sain Luois, Senegal

    Diario di viaggio / Western Africa9: Resort Dior, Senegal

    Scrivo questa breve in tempo reale dal resort dove siamo alloggiati da due giorni a Saint Louis. Sono le 3 del mattino locali. Luisa dorme e non voglio svegliarla. Da 24 ore ho un problema che mi assilla. Una forte forma di eczema che da ieri si è manifestato a chiazze rossastre su tutto il corpo.
    Nouadhibou

    Diario di viaggio / Western Africa8: regole e sogni

    Nouakachott, July 27 - Il giorno di sosta, se non per riposo, è servito ad introdurci in quel nuovo mondo che andiamo a scoprire... "il mondo non finito". È il mondo dove tutto si comincia e niente si finisce... né una casa, né una strada, né un marciapiede e nemmeno cose più grandi.
    pescherecci

    Diario di viaggio / Western Africa7: il cimitero dei pescherecci

    Nouakachott, Mauritania, July 26 - A pochi metri dalla "battigia di plastica" , i relitti arrugginiti di grandi battelli da pesca fanno ormai parte dello straordinario panorama offerto dalla natura. Siamo su una surreale spiaggia da era post-atomica,
    Nouakchott_Mauritania

    Diario di viaggio / Western Africa6: verso Nouadibou, Mauritania

    Nouadibou, July 23 - Ci aspettano 450 chilometri per arrivare a Nouadibou, la prima città che incontreremo in Mauritania. Lasciamo il lungomare di Dakhla con il pensiero di trovare la benzina necessaria per arrivare in frontiera. Ci sono 20 gradi e l'umidità del mare vela il cielo di un grigio latte.
    Layounne

    Diario di viaggio / Western Africa5: Sahara!

    Dakhla, Sahara Occidentale, Marocco. July 23 - A Tarfaya troviamo alloggio nell'unico hotel della città, il Casamar. Situato su quello che un tempo doveva essere il lungomare, si "affaccia" ad un chilometrico muro di cemento, sciagurata protezione del nuovo gigantesco porto della città.
    Tarfaya

    Diario di viaggio / Western Africa4: omaggio al Piccolo Principe

    Cap Blanc, Nouadibou, Mauritania, July 22 - Dalla terrazza, a pelo sulla grande spiaggia, lancio uno sguardo verso il mare e Cap Juby. Qui arrivava con il famoso aeropostale, il pilota-poeta Antoine de Saint Exupery, noto al mondo per "Il piccolo principe".
    Fort Bou-Jerif

    Diario di viaggio / Western Africa3: alla ricerca del forte perduto

    Cap Juby, Tarfaya, Western Sahara (Maroc), July 20 - A Essaouira, nel fascinoso riad con camera a un passo dalla luna ( anche qui la nostra camera si sporge sui tetti della città) la notte passa... insonne. Il motivo? Presto detto. C'est l'Afriche e... gli errori da queste parti si pagano caro.
    CONDIVIDI