Sardegna nascosta

    286
    Tempo di lettura: 1 minuto

    C’è una Sardegna speciale nascosta agli occhi del visitatore distratto. Un’isola dell’anima che anche nei giorni di Ferragosto è deserta. E ammalia con la sua rude e dolente bellezza. Valerio Gardoni ce la racconta con parole e immagini.

    Avventure in kayak: Valerio e Honey a Cronache Animali

    Sardegna - Lungo le coste i bagnanti si sovrappongono a strati nei soli luoghi di moda, come una torta mille foglie. Ma il resto delle coste della Sardegna rimane selvaggio e primordiale anche a ferragosto, difeso da venti rapaci che arrivano all’improvviso.

    Banditi a Orgosolo e Tiscali perduta

    A Orgosolo ci devi andare. Non è sulla strada per qualche località, nemmeno una breve deviazione dalle strade principali. E'un territorio a parte. Tiscali l'ultimo villaggio nuragico perso nel cuore delle montagne del Gennargentu

    Goloritzé, in difesa del Golgo

    Sardegna, agosto 2013 - Antonio è il fondatore e presidente della cooperativa Goloritzé che difende e valorizza l’altipiano calcareo del Golgo, un tesoro di fitti boschi di lecci e querce, bianche falesie vertiginose che si affacciano su un mare caraibico.

    Chiese, dune, fortezze e la Barbagia

    Sardegna, agosto - Più pastori che pescatori, più abili con la zappa che con le vele, i sardi sono oggi un popolo-museo vivente, con granitiche tradizioni millenarie. Riassumono ritmi, idiomi, feste, tradizioni e superstizioni lasciati dagli invasori
    CONDIVIDI
    Valerio Gardoni
    Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.