Desenzano del Garda (Brescia) – I dieci anni più caldi, a eccezione del 1998, sono tutti nel periodo dal 2000 a oggi. Il cambiamento climatico è una delle minacce più devastanti per gli ecosistemi, la biodiversità, la straordinaria ricchezza della vita sulla Terra, grazie alla quale deriviamo il nostro benessere e il nostro sviluppo e la vita di milioni e milioni di persone sul pianeta.

Il Comune di Desenzano aderisce per il quarto anno consecutivo all’invito mondiale promosso dal Wwf, L’Ora della Terra, iniziativa volta a scuotere le coscienze del pianeta e a coinvolgere milioni di persone per modificare le abitudini individuali e rallentare insieme il cambiamento climatico a favore di un positivo cambiamento globale.

Il prossimo sabato 19 marzo le luci del castello di Desenzano resteranno oscurate per mostrare l’impegno di una città sempre più virtuosa, e tutti sono invitati a unirsi alla mobilitazione spegnendo le proprie luci per un’ora.

Nella stessa serata l’amministrazione propone due momenti a tema.
Il primo a Rivoltella, in concomitanza con il Concerto di Pasqua, ultimo appuntamento della Stagione concertistica 2015/2016, alle 21 presso la Chiesa di San Biagio: saranno spente le luci in piazza Degli Alpini e parzialmente sul tratto stradale e una serie di lumini segnerà il percorso verso la chiesa e ricorderà i colori della Terra.

Il secondo momento sarà realizzato in collaborazione con l’Organizzazione aggregata WWF Brescia-Bergamo, nel castello cittadino, dove verranno proiettati alcuni cortometraggi sui cambiamenti climatici e ambientali, seguiti da brevi testimonianze e dal conto alla rovescia per lo spegnimento di luci e candele lungo le mura del maniero. Il ritrovo sarà alle ore 19.30 sotto la volta del portone. Dopo l’accoglienza e i filmati, la fotografia di rito: tutti insieme, con le luci in mano, comporranno una scritta speciale, per poi brindare al futuro sostenibile di Desenzano e del nostro pianeta.

In occasione degli eventi per L’Ora della Terra, l’assessore all’Ecologia e Ambiente Maurizio Maffi ricorda l’esempio virtuoso di riqualificazione urbana effettuata da questa amministrazione in più punti della città: sul viale della stazione con la rigenerazione e la messa a dimora di 41 nuove piante e da qualche giorno con le nuove lampade rotosimmetriche a led, che hanno cambiato radicalmente la luminosità e l’aspetto di viale Cavour.

Sui social è possibile condividere l’evento usando gli hashtag #OradellaTerra ed #EarthHour2016.

1 commento

  1. Sono contenta che l’earth day venga rispettato da così tanti anni e ancora adesso due anni dopo questo articolo. Come abitante di Lonato non posso che essere orgogliosa che anche noi stiamo facendo la nostra parte per il pianeta. Alla fine penso che sia tutto basato su un insieme di responsabilità che bisogna assumere, per farlo è necessario prima di tutto conoscere le cose, pr questo vi allego questo articolo che è estremamente utile a darvi un primo sguardo su come funzionano le lampadine, il modo più semplice per cominciare ad essere più ecologici https://www.italianlightstore.com/blog/2016/10/cambiare-lampadine-vecchio-lampadario-con-led/.
    Salvate la terra!

Comments are closed.