Cremone e Brescia si sono attivate per assistere anziani o persone con difficoltà per risolvere i problemi della quotidianità, dalla spesa dei prodotti alimentari all’acquisto di medicinali consegnati dai volontari a domicilio.

Ecco a chi rivolgersi:

Cremona.

AUSER e Comune di Cremona insieme per aiutare gli anziani a casa. Le persone anziane sono le più colpite dall’emergenza derivante dal contagio del coronarivus COVID – 19. A tutti i cittadini è rivolto l’invito della autorità a restare a casa soprattutto se anziani.

Grazie alla collaborazione attiva da anni tra AUSER e Comune di Cremona, da martedì 10 marzo, sono disponibili due numeri dedicati agli over65 ed in particolare agli anziani a casa privi di rete familiare e di supporto, così da poter rispondere alle esigenze quotidiane.

I numeri da contattare sono 0372 463265 oppure il numero 800995988 (quest’ultimo solo da rete fissa), dal lunedì al venerdì 8.30 -12.30 – 14 -18. Gli operatori forniranno un servizio di ascolto, di supporto, in stretto raccordo con i Servizi Sociali e con altre realtà dell’associazionismo.

Vi sono già tanti cittadini in carico ai Servizi Sociali già prima dell’emergenza che hanno bisogno di aiuto e di sostegno, a questi se ne aggiungono tanti altri che sono soli o che restano senza il supporto della rete familiare a causa del contagio. Per tutte queste persone, con le giuste e necessarie precauzioni, è necessario potenziare una rete che possa intercettare il bisogno. Ognuno può fare la propria parte anche solo segnalando situazioni di solitudine che potrebbero sfuggire ai servizi e ai volontari.

Brescia.

Il settore servizi sociali si è attivato per spesa e farmaci a domicilio per le persone in condizione di fragilità. Le persone in condizione di fragilità, impossibilitate a uscire di casa e che non hanno parenti o altre persone che le supportino, possono telefonare ai servizi sociali del Comune di Brescia al numero 0302977615, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 15.30. 

Saranno attivati gli operatori comunali e i volontari segnalati dai consigli di quartiere, dai punti comunità e dalle associazioni per organizzare il servizio di spesa e consegna a domicilio dei beni di prima necessità (alimenti, igiene personale e della casa, farmaci).