Tempo di lettura: 3 minuti

Eccoci alla 9ª Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, sono la divulgatrice scientifica Eliana Liotta, giornalista e autrice di best seller, e l’autore e conduttore Massimo Cirri, voce storica del cult radiofonico Caterpillar di Rai Radio2, gli Ambasciatori di Buone Pratiche della campagna Spreco Zero 2022. Attraverso il loro impegno promuovono quotidianamente i valori dello sviluppo sostenibile e l’attenzione a nuovi stili di vita, rispettosi della salute “unica” dell’uomo e del pianeta.

L’annuncio anticipa gli eventi della 9ª Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare, come sempre in calendario il 5 febbraio, quest’anno dedicata alla prevenzione degli sprechi come valore aggiunto per la salute dell’ambiente e dell’uomo.

Appuntamento on line venerdì 4 febbraio da Roma, nello Spazio Europa sede di Rappresentanza Permanente della Commissione Europea (via IV Novembre, 149), dalle 10.30. Eliana Liotta e Massimo Cirri, Ambasciatori di Buone Pratiche #sprecozero 2022, porteranno il loro intervento insieme al fondatore della Giornata, l’accademico e agroeconomista Andrea Segrè, al Capo della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea Antonio Parenti, al vicedirettore FAO Maurizio Martina e a Marina Sereni, Vice Ministra degli Affari Esteri.

In Streaming live al link  https://www.youtube.com/watch?v=kXt6U0nUSpo

«Niente è più umano che enfatizzare gli umani, ma la nostra influenza sul clima, sull’ambiente e sulla biodiversità è davvero immensa – osserva Eliana Liotta – a cominciare da quello che mangiamo e dal modo in cui lo produciamo. Siamo 8 miliardi a tavola ed è urgente ripensare il sistema alimentare, che da solo incide per un terzo sulle emissioni di gas serra. Abbiamo bisogno di tornare a un cibo più gentile con il pianeta e con la salute, a un cibo consapevole, che accolga il passato della nostra specie e allo stesso tempo abbracci l’innovazione, a un cibo etico, per combattere la vergogna dello spreco».

E sottolinea Massimo Cirri: «c’è un filo che lega tutti noi abitanti di questo pianeta. Lo abbiamo scoperto meglio con questa lunga pandemia: un pipistrello tranquillo in una foresta, qualcuno che lo disturba, un pangolino, qualcuno che se lo mangia, un nonno in terapia intensiva, tutti a casa e un virus che fa tremare il mondo. Andrea Segrè ed i suoi di Spreco Zero lo avevano capito, studiato e raccontato già da prima, questo filo ininterrotto, partendo dal cibo: l’equilibrio di questo pianeta, il suo futuro, la mia salute, la nostra, stanno anche in quello che c’è nel mio frigorifero. Nei piani bassi, soprattutto: quello che ho comperato, il lavoro che c’è dentro, l’energia. Se adesso non lo mangio è uno speco insopportabile. Una ferita che si può sanare con intelligenze, metodo e padelle».

Festa per i 90 anni della radio, Caterpillar

«Siamo grati a due amici, due personalità di riferimento per la sensibilizzazione sui valori della sostenibilità – ha dichiarato Andrea Segrè, fondatore di Spreco Zero – Con Eliana Liotta e Massimo Cirri, nell’arco di un anno delicato per l’uscita globale dalla pandemia, potremo testimoniare l’importanza delle Buone Pratiche ad ogni livello – dagli enti pubblici alle imprese, dalle scuole ai cittadini nella quotidianità delle nostre vite  – focalizzandoci sulle implicazioni sempre più strette fra cibo, educazione alimentare, prevenzione degli sprechi, salute dell’uomo e dell’ambiente».

Eliana Liotta e Massimo Cirri riceveranno il Premio Vivere a Spreco Zero 2022 nella categoria Ambasciatori di Buone Pratiche il prossimo novembre. In precedenza avevano affiancato la campagna Spreco Zero: Susanna Tamaro, Paolo Rumiz, Moreno Cedroni, Francesco Tullio Altan, Giobbe Covatta, Neri Marcorè, Veronica Pivetti, Luca Mercalli.