Tempo di lettura: 4 minuti

Brescia. C’è un ponte che unisce tre città colpite al cuore dal terrorismo. Questo ponte lungo oltre trecento chilometri, da trentaquattro anni viene percorso, o meglio corso dai componenti della staffetta podistica “per non dimenticare”.

Un ponte che parla di anni di “piombo”, di terrorismo, di stragi impunite, di processi infiniti, ma soprattutto di dolori infiniti da non dimenticare.

Milano, Piazza Fontana 12/12/1969 17 morti, 88 feriti
Brescia, Piazza della Loggia 28/5/1974 8 morti, 102 feriti
Bologna, Stazione FS 02/08/1980 85 morti, 200 feriti

Anche quest’anno 30 luglio alle ore 15,30 in piazza Fontana davanti alle targhe della strage passeranno donne e uomini liberi, correranno e ogni passo sul caldo asfalto sarà un nome sussurrato di una vittima dell’odio, troppi passi, troppe vittime, troppi nomi.

Martedì 31 luglio arriveranno in piazza Loggia, nel cuore della città, simbolo di una ferita mai rimarginata, ma mai dimenticata. L’instancabile lavoro per la ricerca della verità e per il conseguimento di giustizia, prodotto dalle Associazioni dei Familiari delle Vittime, dalle istituzioni locali, da associazioni ed organizzazioni democratiche, da molti singoli cittadini e cittadine, sta conseguendo risultati importanti, non soltanto sul piano della coscienza storica e politica, ma anche su quello giudiziario. La corsa termina alla stazione di Bologna in memoria della strage che ha causato il più alto numero di vittime in un attentato nella storia del Paese.

L’iniziativa parte dall’Associazione Nazionali Partigiani d’Italia che sceglie il cuore dell’estate, per non mollare mai, per restare sempre all’erta perché violenza, guerra, dittature e terrorismo insanguinano sempre, purtroppo, ogni generazione. Il significato della lunga corsa a staffetta che percorre le strade della Lombardia e dell’Emilia, è profondo e drammaticamente attuale, percorre l’angoscia di un terrorismo mai sconfitto, di stragi impunite e la situazione internazionale che sconvolge il pianeta tormentato da tante guerre che non “vanno mai in ferie”.

Lo sforzo podistico è un inno alla pace, la Staffetta Milano-Brescia-Bologna, un lungo cammino per “non dimenticare” le stragi impunite che negli anni di piombo hanno insanguinato le città lombarde ed emiliana. Piazza Fontana, Piazza della Loggia e la stazione di Bologna, sicuramente tre drammatici episodi che hanno marchiato di terrore la l’Italia del dopoguerra.

Il programma:

30/07/2016: Prologo Milano – Paullo.
Ore 15,00 partenza da via Palestro ove confluiranno le Staffette provenienti da Voghera (PV) e da Villasanta (MB). Raggiungimento di piazza Fontana ove alle ore 15,15 è prevista una cerimonia commemorativa della strage alla ex-Banca della Agricoltura con le autorità cittadine ed un saluto alla staffetta. Successivamente altre soste a Pantigliate, Liscate ed infine Paullo con ricevimento ufficiale della staffetta da parte della Comunità Paullese. Sosta notturna.

31/07/2016: Paullo – Brescia.
Ore 7,30 ripartenza, destinazione Brescia, con soste intermedie a Spino d’Adda (CR), Soncino (CR) e Orzinuovi (BS) ed inserimenti locali di podisti Spinesi, Pandinesi e Camisanesi. Prosecuzione per Lograto (BS) con arrivo previsto per le 13,40: accoglienza e sosta per il pranzo. Riavvio alle ore 15,10 con l’alternanza in strada di una selezione di podisti bresciani e soste previste a Torbole Casaglia (BS) e Roncadelle (BS).
Arrivo a Brescia, in piazza della Loggia, alle ore 18 e commemorazione con autorità ed Associazioni cittadine presso il cippo della locale strage. Cena e pernottamento.
01/08/2016: Brescia – Modena – Castelfranco Emilia.
Partenza alle ore 5,30 da Brescia alla volta di Modena con frazionisti bresciani sino al confine di provincia dove subentreranno i podisti Cremonesi.

Soste intermedie a Manerbio (BS), Pontevico (BS), Cremona e Castelvetro Piacentino (PC) ove si attiveranno i podisti della Pubblica Assistenza di Busseto (PR) e si aggregheranno quelli dell’Atletica Presezzo (BG). Arrivo a Busseto previsto per le 12,25 e pausa ristoro presso la sede della Pubblica Assistenza; riavvio alle ore 12,45 con frazionisti dell’Atletica Casone di Noceto (PR) che saranno poi rilevati in strada dai podisti Bergamaschi a Ponte Taro (PR). Soste previste a Fidenza, Parma e subentro dei frazionisti Reggiani a S. Ilario d’Enza, con sosta a Reggio Emilia, in strada sino a Rubiera (RE) dove avranno il cambio dai podisti Modenesi della U.I.S.P. e arrivo a Modena alle 21,50 circa con l’ultima commemorazione di giornata presso la Torre della Ghirlandina. Raggiungimento di Castelfranco Emilia tramite i podisti Castelfranchesi. Cena e pernottamento.

02/08/2016: Castelfranco Emilia – Bologna.
Ore 4,35 riavvio della staffetta alla volta dell’Ipercoop di Bologna ove confluiranno staffette di altra provenienza e raggiungimento del Parco della Montagnola.
Ore 7,30 raduno generale delle staffette presso il suddetto Parco e sfilata delle stesse alla volta del Palazzo Comunale ove alle ore 9,00 ci sarà un incontro con autorità e parenti delle vittime. A seguire, corteo per la Stazione Centrale, alla 10,25 commemorazione ufficiale dell’anniversario della strage. Ultima cerimonia alla CO.TA.BO. e rientro a Milano.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *