Tempo di lettura: 1 minuto

Travagliato (Brescia) – Con il primo giovedì che il 2015 interseca nello sviluppo del mese di maggio, il libro di poesie di Enrico Rango “Sto ancora chiedendo” prende la forma acquisita di una pubblica presentazione, organizzata alle ore 20,30, nella sede dell’associazione “Argento vivo” in via Ziliani 20, a Travagliato.

sto_ancora_chiedendo_copLa pubblicazione, edita dalla Compagnia Massetti Rodella, è stata curata dal prof. Gianni Quaresmini, autore anche della prefazione con Michele Beltrami.

“Questa minuscola pubblicazione – scrive, tra l’altro, Quaresmini – raccoglie versi scoscesi, umbratili, a volte, addolciti dalla lenta erosione dello scorrere del fiume di giorni impazienti. Tra orizzonti di senso, esplorano stati d’animo, sensazioni, concetti”. Da questo sensibile contesto introspettivo, pare scaturire, fra l’altro, una sorta di epifania del “meglio del peggio”. Anzi  “per provare a dare il meglio del nostro peggio- come scrive Beltrami – con parole bagnate. Parole d’acqua sgorgata. Sono fonte per chi vuol bere, per chi ne vuol godere…”.

Per il giovane autore travagliatese la poesia è anche “un sogno realizzato che riconosce la realtà…è un traghetto che affonda in cielo…è una scarpa stanca…è un cane fa la guardia al vento”.

Ogni pagina è correlata da una fotografia, scattata dallo stesso poeta che si è già cimentato con la traduzione in stampa di altri suoi scritti. In questo caso, con il supporto di una suggestiva proposta visiva, si instaura un misterioso dialogo tra testi ed immagini, evocando suggestioni che intersecano diverse latitudini di sintesi percettiva.

CONDIVIDI
Luca Quaresmini
Ha la passione dello scrivere che gli permette, nel rispetto dello svolgersi degli avvenimenti, di esprimere se stesso attraverso uno stile personale da cui ne emerge un corrispondente scibile interiore. Le sue costruzioni lessicali seguono percorsi che aprono orizzonti d’empito originale in sintonia con la profondità e la singolarità delle vicende narrate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *