L’Associazione Nazionale ex Deportati nei Campi Nazisti – ANED ha ideato e strutturato il corso online “Storia e memoria delle deportazioni nazifasciste”. Il corso ad iscrizione gratuita realizzato dall’Associazione Lapsus, è online sul portale “eduopen.org”, apero a tutti,  è correntemente utilizzato da diverse Università per la loro attività didattica a distanza.

Partendo dal contesto internazionale ed europeo, il corso affronta i meccanismi che hanno permesso l’ascesa e il consolidamento di Nazismo e Fascismo, con particolare attenzione alle strategie del consenso che hanno trasformato questi movimenti in dittature istituzionalizzate.Il corso affronta il tema della discriminazione razziale, la pianificazione massificata delle deportazioni con approfondimenti dedicati ai fenomeni quali il negazionismo, il revisionismo storico e il post-antifascismo. Il corso è gratuito, per accedere è necessario registrarsi sulla piattaforma eduopen.org ed iscriversi al corso ANED “Storia e memoria delle deportazioni nazifasciste”.

“In questi anni – dicono all’ANED – è cresciuta a dismisura l’attenzione dei media e del mondo della scuola verso la tragedia dei Lager nazisti. Soprattutto nel periodo a cavallo del 27 gennaio, scelto dall’Unione Europea come Giorno della Memoria, si moltiplicano le conferenze, gli spettacoli, gli incontri nelle scuole. Eppure cresce la confusione, aumentano le ricostruzioni di fantasia e le imprecisioni. E soprattutto in mezzo a questa miriade di celebrazioni si rischia di perdere il filo del percorso che portò l’Europa a questa immane tragedia per responsabilità del nazismo e del fascismo. Di qui l’idea di un corso che sia ad un tempo accessibile a tutti e rigoroso per consentire a un pubblico interessato di acquisire le nozioni fondamentali per comprendere il fenomeno della Shoah e delle deportazioni nei Lager nazisti”.

Partendo dal contesto internazionale, il corso affronta i meccanismi che hanno permesso l’ascesa e il consolidamento di fascismo e nazismo; spiega come questi movimenti, nati nelle piazze e rivolti “alla pancia” delle persone, siano riusciti a creare consenso e trasformarsi in dittature istituzionalizzate. Mette in luce l’articolato sistema dei lager, la pianificazione massificata delle deportazioni, la classificazione delle categorie “indesiderate” e lo sfruttamento dei prigionieri come schiavi. Solo affrontando questa complessità si possono infatti cogliere veramente le implicazioni della tragedia delle deportazioni e della Shoah per le scelte che dobbiamo affrontare oggi.Struttura del corso

  • Sei moduli multimediali composti da brevi videolezioni, testimonianze di sopravvissuti, bibliografie, mappe, infografiche, schede di approfondimento e test di autovalutazione.
  • Il tempo stimato per il completamento del corso è tra le 5 e le 10 ore
  • Ampio spazio dedicato all’oggi: negazionismi, giornate della memoria, memorie divise e stereotipi.

I singoli moduli sono fruibili in modo autonomo; solo chi desiderasse ottenere al termine l’attestato di frequenza è vincolato a visionare tutti i video e a completare tutti i test

Indice

  • Modulo 1: Fascismo e nazismo: nascita e consolidamento
  • Modulo 2: Contestualizzare le deportazioni
  • Modulo 3: Il sistema concentrazionario nazifascista
  • Modulo 4: I deportati
  • Modulo 5: Il ritorno dai lager
  • Modulo 6: La memoria e i problemi dell’oggi