Tempo di lettura: 2 minuti

Brescia. Dedicare una giornata a se stesse e al proprio benessere, un’occasione giusta per fare sport, conoscersi, riunirsi e trascorrere una giornata insieme, questo è al nastro di partenza della StraWoman, corsa/camminata non competitiva di 5/10 km a ritmo libero in programma in citta domenica 5 maggio.

Ma all’arrivo della run/walking c’è molto di più: difatti è una giornata dedicata alle donne e alla sensibilizzazione contro la violenza di genere.

La corsa è aperta a tutti, anche agli uomini, con partenza alle ore 10.30 e arrivo presso Piazza della Vittoria, la quota d’iscrizione è di 10€.

Quest’anno parte del ricavato sarà infatti devoluto ad Avis Provinciale Brescia a sostegno delle sue attività. Avis grazie alla propria rete territoriale porta avanti da anni campagne per la diffusione della cultura della solidarietà e del dono.

Grazie a Brescia Mobilità presentando il pettorale sarà possibile raggiungere la piazza ed utilizzare i mezzi pubblici gratuitamente.

Nata nel 2011, StraWoman è oggi il più grande raduno “al femminile” d’Italia, all’insegna della passione per lo sport, del divertimento e della sensibilizzazione. Protagoniste della giornata sono le donne, unite da unico traguardo: combattere la violenza contro le donne. StraWoman infatti sostiene che lo sport è motore di cambiamento sociale e promuove il NO ad ogni violenza sulle donne.Quest’anno c’è una novità nel Tour StraWoman bresciana: sono stati invitati ad aderire tutti i comuni della provincia bresciana ad associarsi all’iniziativa affinché, insieme, possano sostenere il NO alla violenza sulle donne.

Il nostro contest consiste nel conteggiare, durante la StraWoman di Brescia, il numero di cittadini provenienti da ciascun comune aderente e, i primi tre comuni con più partecipanti, vinceranno un trofeo mentre una foto ricordo andrà ad ogni cittadino partecipante.

Le organizzatrici ringraziano vivamente tutti i Comuni che hanno accolto la nostra proposta decidendo di aderire e concedendoci il loro supporto:

Comune di Agnosine, Comune di Borgosatollo, Comune di Botticino, Comune di Bovezzo, Comune di Breno, Comune di Calcinato, Comune di Castenedolo, Comune di Coccaglio, Comune di Darfo Boario Terme, Comune di Desenzano del Garda, Comune di Erbusco, Comune di Iseo, Comune di Isorella, Comune di Leno, Comune di Lonato del Garda, Comune di Lumezzane, Comune di Manerbio, Comune di Marcheno, Comune di Monticelli Brusati, Comune di Muscoline, Comune di Nuvolento, Comune di Orzinuovi, Comune di Padenghe sul Garda, Comune di Paderno Franciacorta, Comune di Palazzolo sull’Oglio, Comune di Pontoglio, Comune di Rovato, Comune di San Zeno Naviglio, Comune di Vallio Terme, Comune di Verolanuova, Comune di Verolavecchia, Comune di Vestone.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *