Tempo di lettura: 2 minuti

Concesio, Brescia. Vivere un’esperienza di studio all’estero può essere per i giovani una sfida, un percorso educativo, un’esperienza che contribuisce alla crescita. E soprattutto è una storia che dura tutta la vita. Di questo si parlerà martedì 17 ottobre alle ore 20.45 presso la Biblioteca di Concesio.

Racconti di un anno all’estero, chiacchierata con i giovani che hanno accettato la sfida di vivere un’avventura lontano da casa, Abbracciare Intercultura significa scegliere di arricchirsi culturalmente attraverso progetti e scambi interculturali con 65 Paesi del mondo. Intercultura, in tutto il mondo, si mette a disposizione dei giovani che vogliono provare un’esperienza unica in un altro Paese: essere accolti da una nuova famiglia e studiare in una nuova scuola.

Se hai tra i 15 e i 17 anni raccogli la sfida e ascolta coloro che hanno aderito ai programmi di Intercultura per un anno scolastico all’estero o un periodo più breve. C’è chi cresce attaccato alla visione del mondo che gli è stata trasmessa e c’è chi cerca di guardare il mondo negli occhi e confrontarsi con stili di vita e di pensiero diversi, a cura di Beatrice Bonometti e Micol Castrezzati dell’Associazione Intercultura onlus.

La Fondazione Intercultura è stata costituita nel 2007 dall’Associazione Intercultura per mettere a frutto il patrimonio unico di esperienze educative internazionali accumulato nel corso di oltre 60 anni di storia.

La Fondazione intende favorire la cultura del dialogo e dello scambio interculturale tra i giovani promuovendo ricerche, programmi e progetti che aiutino le nuove generazioni ad aprirsi al mondo e a vivere da cittadini consapevoli e preparati in una società multiculturale.

Vi hanno aderito il Ministero degli Affari esteri e il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.Del Consiglio direttivo e del comitato scientifico fanno parte eminenti rappresentanti del mondo della cultura, dell’economia e dell’università.

CONDIVIDI
Valerio Gardoni
Giornalista, fotoreporter, inviato, nato a Orzinuovi, Brescia, oggi vive in un cascinale in riva al fiume Oglio. Guida fluviale, istruttore e formatore di canoa, alpinista, viaggia a piedi, in bicicletta, in canoa o kayak. Ha partecipato a molte spedizioni internazionali discendendo fiumi nei cinque continenti. La fotografia è il “suo” mezzo per cogliere la misteriosa essenza della vita. Collabora con Operazione Mato Grosso, Mountain Wilderness, Emergency, AAZ Zanskar.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Esegui l'operazione aritmetica prima di inviare *