Parte con il primo d’estate, in un segno rinascita, l’edizione di quest’anno del Golf Challenge Trofeo Caloni Trasporti – Coppa AutoVanti, un progetto solidale di Cancro Primo Aiuto, un torneo di golf in 16 tappe che prevede gare aperte a golfisti non professionisti di ogni livello e di tutte le età in altrettanti Circoli di Lombardia, Piemonte e Sardegna.

Una gara di golf all’insegna della solidarietà, pensato per avvicinare le persone alla pratica sportiva del golf e valorizzare le strutture che la diffondono, il Cancro Primo Aiuto Golf Challenge è soprattutto una manifestazione all’insegna della solidarietà e in particolare dell’aiuto concreto ai malati oncologici. A questo scopo, in alcune delle tappe previste dal calendario, la Onlus donerà dei veicoli a delle associazioni di volontariato del territorio che ne hanno la necessità per il trasporto di persone non autosufficienti o di personale medico nelle visite a domicilio.

«Dopo che nella prima parte dell’anno ci siamo concentrati ad affrontare l’emergenza Covid – ha affermato Flavio Ferrari, amministratore di Cancro Primo Aiuto – per assicurare continuità di assistenza ai malati oncologici che hanno vissuto una doppia difficoltà e per sostenere medici e infermieri impegnati nella lotta alla pandemia, adesso siamo contenti di poter tornare sul green con un nuovo grande evento di sport e solidarietà.

Come l’anno scorso, infatti, doneremo delle auto ad alcune associazioni che si occupano di malati oncologici. Il circuito di golf è diventato un’importante opportunità per l’associazione – ha continuato Ferrari – sia per far conoscere le nostre attività e quindi dare sostegno agli ammalati, sia per raccogliere fondi a supporto delle nostre iniziative. Per questo un riconoscimento particolare va ai circoli di golf che ci ospiteranno e agli sponsor che sempre più numerosi ci sostengono: tutto questo è possibile grazie a loro».

I volontari di Cancro Primo Aiuto dicono di loro: Siamo solo uomini che aiutano altri uomini”. E’ questo il motto della Onlus Cancro Primo Aiuto, nata nel 1995 in memoria del senatore Walter Fontana. L’Associazione non ha scopo di lucro e propone iniziative nel campo dell’assistenza socio-sanitaria a favore degli ammalati di cancro e dei loro familiari. Sostenuta da oltre un centinaio di sponsor, tra enti pubblici, associazioni imprenditoriali e soprattutto aziende private, Cancro Primo Aiuto estende la sua azione nell’ambito territoriale della Lombardia, in particolare nelle oltre 50 strutture ospedaliero-sanitarie in cui si è consolidata una collaborazione, distribuite nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e Brianza, Pavia, Sondrio e Varese.

Nel corso del 2019 hanno avuto rapporti con l’associazione quasi 35mila pazienti per un totale di circa 70mila prestazioni. Sono una quarantina i collaboratori sostenuti economicamente dalla Onlus e un centinaio i medici volontari collegati a Cancro Primo Aiuto, sempre a disposizione gratuita per i malati e le loro famiglie.